Un blog al giorno

PARTIAMO DALLA PREPARAZIONE PRECAMPIONATO

Un anno di confronto tra Francesco Leone, allenatore della Asd Filvilla, Stefano Fiorini, Presidente dell'Aipac, e voi lettori sul lavoro atletico dei dilettanti.

Clicca e scarica il programma di preparazione.

Inizia una nuova stagione e mi trovo catapultato nel mondo degli adulti, in una prima squadra del campionato toscano di 2 categoria, più precisamente l’ASD Filvilla. Il cambiamento, rispetto al settore giovanile, è radicale e gli obiettivi sono ovviamente diversi. Se con i ragazzi la priorità è il miglioramento del singolo con gli adulti bisogna fare i conti anche e principalmente con il risultato. Certo, non bisogna snaturarsi ed è importante avere delle idee per poi riuscire ad applicarle in modo da favorire i risultati sempre tenendo conto dei giocatori a disposizione e della realtà in cui si opera. Il tutto, per proporre un gioco adatto a giocatori e alla categoria. Un'altra grande differenza, rispetto al lavoro nel settore giovanile, consiste nella maggior importanza che riveste l’aspetto condizionale. In questo ho la fortuna di potermi confrontare con il professor Stefano Fiorini, presidente dei preparatori atletici italiani. Nel mio primo contatto telefonico con il prof ho subito avuto l’impressione che ci fosse unità d’intenti, alcune sue parole mi hanno molto colpito perché combaciavano con le mie idee: “Ricorda che tu non hai atleti che si allenano per lavoro, ma hai ragazzi che vanno a lavorare e poi vengono al campo”. Queste parole vogliono sottolineare il fatto che non avendo a disposizione il tempo necessario per svolgere un allenamento mirato (tre sedute di un’ora e mezza a settimana non consentono un lavoro articolato), bisogna puntare su altri aspetti… “Falli divertire, usa la palla per la maggior parte del tempo” e su suo consiglio (da me condiviso in pieno) abbiamo optato per una distribuzione di circa un 20% di tempo (a seduta) da dedicare alla parte condizionale per migliorare il benessere fisico dei ragazzi, mentre il resto dell’allenamento, inteso come sviluppo delle componenti condizionali, si effettua giocando. Una parte del programma, invece, prevede il lavoro preventivo, sempre per il motivo precedente: mettere al primo posto il benessere fisico della persona.

Ora è tutto pronto, siamo in campo e stiamo applicando le pillole di competenza elargite dal professor Fiorini che, unite alla parte tecnico tattica, decideranno il cammino di questa stagione sportiva, il nostro appuntamento è ogni 15 giorni. Siete pronti ad accompagnarci e confrontarvi con noi?

Di seguito le esercitazioni presenti sul magazine. Cliccando sulle immagini aprite la scheda dettagliata di descrizione oltre a poterle scaricare con TrainMe Allfootball.

Figura 1: 6 contro 6 + 4 jolly di posizione

Figura 2: 7 contro 2 per il filtrante fra le linee

Figura 3: dai e segui libero

Figura 4: 6 contro 6 a tre zone

Figura 5: 4 contro 4 + 2 jolly di posizione

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
CALCIO, LA PREPARAZIONE ATLETICA RAGIONATA
CALCIO, LA PREPARAZIONE ATLETICA RAGIONATA
MASSIMA PRESTAZIONE E ATTENZIONE ALLA SALUTE NEL CALCIO
MASSIMA PRESTAZIONE E ATTENZIONE ALLA SALUTE NEL CALCIO

ABITUIAMO I GIOCATORI A TROVARE LE SOLUZIONI

Venerdì 27 Dicembre 2019

Sport City Galliate - Vicinale G. Leopardi, 14 - 28066 Galliate (NO)
Ore 08:30

STAGE DI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PER CALCIATORI

Venerdì 27 Dicembre 2019

Palauno - Largo Balestra 520146, Milano (MI)
Ore 08:45

CORSO DI ALLENATORE DELLA TECNICA E DELLA TATTICA INDIVIDUALE

Sabato 28 Dicembre 2019

Palauno - Largo Balestra 520146, Milano (MI)
Ore 09:00

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN