Un blog al giorno

ALLENIAMO SMARCAMENTO E DINAMICITÀ

Il movimento senza palla è alla base di un calcio efficace e vincente, esercitiamolo sin dalle prime fasce d’età affinché diventi un automatismo.

La carenza di movimento senza palla è una delle differenze più marcate tra calcio maschile e femminile, sia a livello di settore giovanile sia di prima squadra. Osservando delle partite noterete che le ragazze si muovono poco, in particolar modo a seguito di un passaggio. Molti calciatori, in generale, effettuano l’appoggio e poi si fermano, o comunque sfruttano poco lo smarcamento come naturale movimento per mettersi in condizione di ricevere palla. A volte questo comportamento è dettato da mancanza di personalità, i bambini si nascondono, dietro compagni e avversari, non portandosi quasi mai in zona luce. Movimento e smarcamento si possono allenare, al pari della personalità? Io credo di sì, almeno in parte. Come? Assieme, pensando e utilizzando esercitazioni orientate al movimento in zona luce e alla ricezione del pallone. Successivamente è poi opportuno finalizzarle a guadagnare campo per avvicinarsi alla porta avversaria. Occorrono attività strutturate in forma progressiva, dal facile al difficile, affinché il giocatore acquisisca confidenza nei gesti e sicurezza nei propri mezzi. Spiegando gli obiettivi da raggiungere e rimarcando i progressi ottenuti. Molti allenatori richiedono fitte reti di passaggi e azioni manovrate senza far comprendere ai loro calciatori il motivo per cui lo si faccia. Il risultato sono giocatori e giocatrici che cercano solo un’infinità di appoggi forzati e faticano a trovare la via del gol. Spesso noi istruttori facciamo eseguire gesti e movimenti trascurando di far comprendere ai nostri calciatori perché lo stanno facendo.

 

SENZA DINAMISMO NON C’È GIOCO DI SQUADRA

Un gioco corale non può essere sviluppato efficacemente se non viene allenata la dinamicità. Dò palla e mi muovo: per ricevere un passaggio di ritorno, per fornire una nuova soluzione o per aprire spazi ai compagni. Mi muovo, con criterio, anche senza palla, un calciatore non sta quasi mai fermo. Vi propongo (vedi video di apertura), un esercizio in progressione dall’analitico al situazionale, che ritengo utile a questo scopo e pensato per l’attività di base (ma la capacità di non dare mai punti di riferimento per mantenere un possesso efficace va allenata comunque a ogni età). Sono semplici giochi di posizione per lavorare in modo specifico su trasmissione, ricezione, attacco e occupazione degli spazi. Noterete che sono presenti componenti relative alla parte cognitiva: psicocinetica e problemi di gioco da risolvere.

Qualche utile indicazione per costruire l'esercitazione secondo i vostri obiettivi

INDICAZIONI E CORREZIONI

Gestione dello spazio: la corsa in smarcamento non va mai effettuata all’indietro. È un movimento deciso e veloce eseguito in modo da avere sempre la più ampia visuale possibile su palla e compagni.

Gestione dei tempi di gioco: il movimento di smarcamento inizia, in genere quando il compagno riceve o subito dopo e cioè quando è in condizioni di effettuare la giocata.

Gestione del pallone: i passaggi devono essere eseguiti con forza, palla a terra e precisi. Il primo controllo deve essere possibilmente pulito, preciso e orientato, già indirizzato verso la giocata successiva (la palla non si ferma ma si sposta).

Gestione della comunicazione: è importante che durante le esercitazioni i giocatori si aiutino tra loro comunicando tramite parole chiave, è un’abitudine che porteranno con loro, con profitto, anche in partita.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO GIOVANILE, IL GIOCO DEL MAGO COLORE
CALCIO GIOVANILE, IL GIOCO DEL MAGO COLORE

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN