Un blog al giorno

IL CALCIASTORIE: L’INTEGRAZIONE NEL CALCIO

I ragazzi delle scuole superiori narrano storie di calcio che raccontano l’Italia e il suo tessuto sociale.

Se visiti il sito www.ilcalciastorie.uisp.it, ti trovi di fronte a una lettura inedita del calcio. E scopri che questo sport sa essere professore di storia e sa far affiorare lati oscuri di impegno sociale, contro il razzismo e le discriminazioni. Quali? Lo spiega una breve citazione presa in prestito da Edoardo Galeano, scrittore argentino che attraverso il calcio ha raccontato il Sud America e le sue ingiustizie: «I subordinati debbono eterna obbedienza ai superiori, come le donne debbono obbedienza agli uomini. Il razzismo si giustifica, come il maschilismo, per l’ereditarietà genetica: i poveri non sono sfottuti per colpa della storia, bensì per opera della biologia. Il destino ce l’hanno nel sangue…». E il calcio che c’entra? Qui entra in ballo il progetto Il Calciastorie, nato per iniziativa della Lega di serie A e dell’Uisp-Unione Italiana Sport Per tutti. Nel corso della passata stagione calcistica e grazie ai ragazzi delle scuole superiori di quindici città italiane (tutte quelle che sono sedi di squadre di serie A) sono state raccontate storie di oggi e di ieri, più o meno note, di razzismo e discriminazione. Attraverso queste storie esemplari, spesso anche con testimonianze o ricostruzioni, il fenomeno è stato studiato dai ragazzi secondo il loro punto di vista.

 

IL CALCIO FENOMENO SOCIALE

Ne emerge un album di video, foto, musica e resoconti che vale la pena sfogliare, perché il calcio è un grande fenomeno sociale da interrogare e conoscere. Più a fondo e in maniera complessa, senza fermarsi nella sala d’aspetto delle buone intenzioni, della retorica, dei tabellini delle partite o delle classifiche. Varcare l’androne significa incontrare, ad esempio, la storia di Arpad Weisz, raccontata da Matteo Marani, giornalista sportivo, nel suo libro “Dallo Scudetto ad Auschwitz" che ha fatto da apripista in tutte le scuole coinvolte nel progetto. Le leggi razziali risalgono al 1938 - 39 e da qui parte il calvario di Arpad Weisz, ungherese di Solt, tecnico di successo, vincitore dello scudetto nel 1930 con l’Ambrosiana Inter e nel 1936 e 1937 col Bologna. A un certo punto sparì e non se ne seppe più niente. Fu deportato e finì i suoi giorni in campo di concentramento perché era ebreo. E oggi? A che punto sono integrazione e tolleranza? Oggi che il 44,2% degli studenti delle nostre scuole è di origine straniera, come si interagisce con la differenza? E qui entra in ballo il calcio, per una volta professore di storia e non sul banco degli imputati. Attraverso i lavori realizzati dai ragazzi che sono stati tanti e bellissimi.

 

CONOSCENZA CONTRO PREGIUDIZIO

Soltanto la conoscenza può aiutare a combattere il pregiudizio. Il taglio scelto dai ragazzi del Liceo classico Giovanni Maria Dettori di Cagliari (4 ‘A’-MORI ROSSOBLU’) è stato davvero particolare: attraverso alcune storie di calcio hanno realizzato un racconto per cercare di frantumare il pregiudizio contro la Sardegna, “identificata ancora come terra di pastori e di banditi – scrivono gli studenti – e per secoli si è usata l’espressione ‘ti mando in Sardegna’ in tono minaccioso e punitivo, soprattutto tra militari e poliziotti”. In realtà le storie di Gigi Riva, Nenè, Giuseppe Tomasini e quella di Fabrizio De Andrè spazzano via il pregiudizio e dicono che esiste una sorta di mal di Sardegna, se ci vieni te ne innamori. Ovvero: i pregiudizi sono duri a morire, soltanto la conoscenza può combatterli. È più facile spezzare un atomo che un pregiudizio, diceva Albert Einstein. I ragazzi del Calciastorie hanno seminato bene.

 

Leggi gli altri articoli dell’Uisp a cura di Ivano Maiorella

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

IMPARA LA TECNICA DAI PROFESSIONISTI

Lunedì 10 Giugno 2019

Viale dello Sport, 00037 Segni (Roma)
Ore 09:00

IMPARIAMO A DOMINARE IL PALLONE

Lunedì 10 Giugno 2019

Campo Comunale di Casamarciano - Viale Giuseppe Verdi (Rione Gescal) - Nola
Ore 08:45

LA STRADA SCENDE IN CAMPO

Lunedì 17 Giugno 2019

STADIO OLMO FERRO - LOCALITÀ NATTA - CELLE LIGURE
Ore 08:30

IMPARIAMO UNA TECNICA FUNZIONALE

Lunedì 24 Giugno 2019

Via Tommaso Traetta 70 (Infernetto) 00124 Roma
Ore 08:30

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

TECNICA, TEMPO E SPAZIO

Lunedì 8 Luglio 2019

Viale Stadio 23100 Sondrio (Campo Coni)
Ore 08:30

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN