Un blog al giorno

CALCIO: BLOOOOG! IL MIO GIGI RIVA

Fabrizio Bocca, giornalista di Repubblica, racconta il suo “quotidiano di critica del pallone”, che vorrebbe come il fuoriclasse del Cagliari, idolo della sua infanzia, o come Arrigo Sacchi.

Fabrizio Bocca mangia pane e calcio da… sempre. Da quando, bambino, tifava per il Milan di Gianni Rivera e di Pierino Prati. «Con l’età è cresciuta anche la passione, ho frequentato per molti anni lo stadio, seguendo sia Roma sia Lazio. Il calcio per me è sempre stato di casa, mio padre faceva il giornalista sportivo al Corriere dello Sport. Ho poi iniziato a raccontarlo e così il calcio è diventato giornalismo sportivo. Credo di aver superato ormai i 40 anni di questo mestiere.»

 

Continua a scrivere di calcio su Bloooog! sul sito repubblica.it. Come è nata l’idea?
«Nasce nel 2008. Io vengo dalla carta stampata, sono stato per dodici anni capo dello sport di Repubblica e, a dirti la verità, non avevo mai pensato a un blog. Altri colleghi però mi fecero notare che gli articoli che scrivevo, se veniva data l’opportunità, erano commentati da molte persone. Col tempo, ma tutto sommato anche abbastanza rapidamente, Bloooog! è diventato molto più di un semplice blog, è un vero e proprio sito che io curo tutto da solo anche nei particolari. A cominciare dalla parte iconografica che è fondamentale e molto caratterizzante. La sua popolarità è una bella soddisfazione, soprattutto perché in un campo dove il giornalismo tradizionale non entra, considerandolo di serie B. Ma come dico sempre punta alla promozione in serie A e allo scudetto in 5 anni.»

Fabrizio Bocca, giornalista, dodici anni come capo dello sport di Repubblica e ora ideatore e autore di Bloooog!

Quali argomenti tratta?
«Bloooog! è molto particolare, nel senso che segue l’attualità molto da vicino, in maniera critica. Infatti io lo definisco: quotidiano di critica del calcio.»


Leggendo i commenti ai suoi post, pensa che  quello italiano continui a essere un popolo di… allenatori?

«Sì, siamo un popolo di allenatori. Ma ormai è così in tutto il mondo. In ogni caso la nazionale è decisamente la squadra più esposta all’osservazione e alla critica, il ct un uomo perennemente nel mirino. Si passa da fasi di menefreghismo assoluto, a fasi - in occasione di Europei e Mondiali - di vera e propria ossessione critica.» 

 

Se il suo blog fosse un calciatore, chi sarebbe e perché?

«Mi piacerebbe che fosse Gigi Riva per riferirmi all’idolo della mia infanzia. Per citare un personaggio di oggi direi Arrigo Sacchi, metodico e convinto di quello che sta facendo. Anche se non così religioso e assoluto. Io infatti mi definisco un laico del calcio, e da quando lavoro (e cioè dall’età di 17 anni) non tifo più per alcuna squadra. Non ci crede nessuno e di volta in volta mi danno dello juventino, del romanista, dell’interista e così via. Ma è così. Sono calcisticamente e giornalisticamente apolide.»
Clicca qui per scoprire Bloooog!
Leggi gli altri articoli di Max Canzi sul calcio nel web.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

COLORNO: IO C’ERO
COLORNO: IO C’ERO
I PROTAGONISTI DI COLORNO
I PROTAGONISTI DI COLORNO
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN