Un blog al giorno

IL LESSICO DEL CALCIO, FACCIAMO CHIAREZZA

Non confondiamo i principi con i concetti di gioco e non usiamo“a vanvera” la parola transizione

Qualsiasi opinione o intervento scritto e parlato in un campo vasto come quello calcistico è pieno di insidie e si presta a ogni tipo di rilievo e riconsiderazione. Sarebbe però importante imparare a distinguere quelli che fanno ben comprendere il calcio utilizzando un corretto linguaggio rispetto a quelli che vengono espressi in modo pressapochistico da chi vuole apparire grande esperto. A questo proposito facciamo un po' di chiarezza su lessico e interpretazioni nel calcio.

 

IL CALCIATORE PENSANTE, ORA LO VOGLIONO TUTTI

Finalmente, dopo tanto tempo, sento parlare di giocatore intelligente, giocatore pensante… Era ora, ed è proprio vero che qualsiasi novità - soprattutto nel calcio italiano - prima viene avversata a prescindere, poi discussa e, alla fine, accettata. Fatto questo iter passa nel lessico comune di tanti “inventori” che però erano stati i primi a ostarla. Un'altra anomalia lessicale riguarda l'utilizzo di “principi di gioco” quando sarebbe più corretto parlare di “concetti di gioco”. E qui vorrei pregare chi s'inventa un nuovo significato, senza tener conto della lingua italiana, di consultare un qualsiasi vocabolario. La definizione di principio è: inizio, origine, concetto fondamentale su cui ci si basa. Quella di concetto è: idea che la mente si forma, pensiero attivo, rappresentazione mentale di qualcosa, disegno. Sta a voi lettori capire quale dei due termini è il più appropriato.

 

LA TRANSIZIONE È UN FATTO MENTALE E NON TATTICO

Un altro termine calcistico che è diventato mediatico è “transizione”. Anche qui ognuno si sbizzarrisce a dare la sua interpretazione vantandone la primogenitura e in tanti sbagliano. Transizione vuole dire: passaggio da a, capacità mentale di reagire a una nuova situazione, modifica di un atteggiamento. È prettamente un fatto mentale non tattico. È la mente che dirige il giocatore non la tattica. Basta schemi, finalmente, anche questo è passato dopo anni di istupidimento dei giocatori. Ora sono i concetti le priorità da allenare. Basta allenare il movimento, alleniamo i giocatori all’azione che è cosa completamente diversa. Ogni ciclo, anche calcistico, ha la sua storia, ma non si può guardare sempre al passato, vivere con la testa all’indietro e osannare, all’infinito, i profeti di un tempo che furono anche se hanno portato straordinarie innovazioni. Il passato conta tantissimo ma perché ha creato le condizioni del presente. Il lessico va rispettato e non stravolto per intestarsi qualcosa che si è capito tardi. Mi piacerebbe, al proposito, che qualche “inventore” mi rispondesse... dovessi essere io che sbaglio.

 

Leggi gli altri post e guarda le esercitazioni a cura di Angelo Pereni

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SCUOLA CALCIO: SVILUPPIAMO LE CAPACITÀ MOTORIE
SCUOLA CALCIO: SVILUPPIAMO LE CAPACITÀ MOTORIE
CALCIO, PREPARAZIONE FISICA E INFORTUNI
CALCIO, PREPARAZIONE FISICA E INFORTUNI
LE ATTIVITÀ LUDICHE PER LE SCUOLE CALCIO
LE ATTIVITÀ LUDICHE PER LE SCUOLE CALCIO
Le attività senza palla
Le attività senza palla

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SCARICA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN