Un blog al giorno

ALLENIAMO LA SITUAZIONE

Esercizi per insegnare le basi tattiche collettive, i concetti situazionali e creare una squadra equilibrata che legga, interpreti e agisca.

Angelo Pereni

Sintetizzando all’estremo le modalità dell’allenamento tattico della squadra di calcio moderna, e quindi del difensore: possiamo dire che esistono due modelli. Uno che propone esercitazioni finalizzate a insegnare al calciatore movimenti negli spazi in modo sistematico e schematico. Sono movimenti elementari collettivi, le basi, che si esercitano per esempio con gli undici contro zero quando la squadra fa una fotografia mentale del suo modo di stare in campo.

L’altro modello prevede esercitazioni articolate su concetti di gioco più ampi, basati sulla realtà del gioco stesso. Questi hanno l’obiettivo di migliorare, nel giocatore, la capacità di gestire gli spazi da attaccare, i tempi e i ritmi della giocata, in funzione delle situazioni che si creano nel corso di una partita. È necessario che il calciatore li faccia propri entrambi, perché fondamentali nei processi di interazione, del singolo e del reparto, in questo meraviglioso sport di squadra (in questo mio intervento troverete alcune semplici esercitazioni che rappresentano un punto di partenza per andare in questa direzione, vedi figure 1, 2 e 3).

Figura 1: possesso palla per guadagnare campo con riposizionamento (clicca sull’immagine per la descrizione dettagliata dell’esercizio).

CAPACITÀ, VELOCITÀ E QUALITÀ

Entrambi mettono in moto meccanismi che utilizzano la memoria, poiché la mente archivia tutto ciò che i sensi percepiscono. Gli automatismi sono stimolati quando si deve richiamare una particolare informazione durante la partita. Si pensi a un dizionario, la differenza fra uno in ordine alfabetico e uno, ipotetico, ordinato casualmente. I contenuti sarebbero gli stessi, quello che cambierebbe è l’efficacia e la prontezza con cui essi potrebbero essere trovati e utilizzati.

L’efficacia, la destrezza, la creatività e la duttilità di un giocatore dipendono dalla capacità, dalla velocità e dalla qualità con cui effettua le scelte da adottare. Scelte di qualità se, di fatto, rappresentano le strategie più idonee per il raggiungimento dell’obiettivo. Il calcio è un gioco di situazione, è ordine e disordine allo stesso tempo. È convinzione e incertezza, è probabilità, prevedibilità e imprevedibilità. È creatività e caso, è fantasia, razionalità e organizzazione. È, insomma, in continua evoluzione e richiede all’atleta costanti verifiche. È complesso perché ogni singola azione si basa su relazioni articolate col contesto circostante e organizzazione. Ciò influenza le modalità di allenamento e richiede metodo.

Figura 2: partita a pressione con jolly (clicca sull’immagine per la descrizione dettagliata dell’esercizio).

RISOLVERE E NON SUBIRE

Noi tecnici professionisti propendiamo, da molto tempo, per allenamenti che forniscano al giocatore la possibilità di scegliere le modalità per l’individuazione e la soluzione dei problemi. Sedute, insomma, che puntino alla conoscenza di specifiche situazioni di gioco, tramite momenti la ricostruzione di momenti reali della partita.

La preparazione alla gara deve mettere il giocatore nelle condizioni di gestire e risolvere (e non di subire) situazioni e sviluppi di gioco. L’allenatore, valutato tutto ciò, dovrà organizzare il lavoro quotidiano attraverso esercitazioni basate su concetti complessi di gioco per indurre il giocatore a generare risposte. In questo modo il pensiero dell’allievo si tradurrà in azione e i calciatori potranno sviluppare competenze e capacità.

Figura 3: partita con vincoli numerici di zona per ritrovare la gestione degli equilibri di squadra (clicca sull’immagine per la descrizione dettagliata dell’esercizio).

SCEGLIETE CON CRITERIO LE ESERCITAZIONI

L’allenamento, allora, deve essere costruito da un insieme di esercitazioni che inducano gli allievi a essere autonomi nello scegliere il loro atteggiamento tattico. Si devono riprodurre le condizioni che si possono verificare in gara, sin nei minimi particolari, per stimolare la creatività, la responsabilità e la comunicazione fra i giocatori. E ricordate, quanto si esprime in campo durante la partita non è altro che la diretta conseguenza del lavoro svolto in allenamento.

 

Clicca e scopri il prossimo evento con Angelo Pereni

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO GIOVANILE, IL GIOCO DEL MAGO COLORE
CALCIO GIOVANILE, IL GIOCO DEL MAGO COLORE
CALCIO: LE ESERCITAZIONI DEI TOP MANAGER
CALCIO: LE ESERCITAZIONI DEI TOP MANAGER

IMPARA LA TECNICA DAI PROFESSIONISTI

Lunedì 10 Giugno 2019

Viale dello Sport, 00037 Segni (Roma)
Ore 09:00

IMPARIAMO A DOMINARE IL PALLONE

Lunedì 10 Giugno 2019

Campo Comunale di Casamarciano - Viale Giuseppe Verdi (Rione Gescal) - Nola
Ore 08:45

LA STRADA SCENDE IN CAMPO

Lunedì 17 Giugno 2019

STADIO OLMO FERRO - LOCALITÀ NATTA - CELLE LIGURE
Ore 08:30

IMPARIAMO UNA TECNICA FUNZIONALE

Lunedì 24 Giugno 2019

Via Tommaso Traetta 70 (Infernetto) 00124 Roma
Ore 08:30

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

TECNICA, TEMPO E SPAZIO

Lunedì 8 Luglio 2019

Viale Stadio 23100 Sondrio (Campo Coni)
Ore 08:30

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN