Un blog al giorno

CALCIO: LA PREPARAZIONE INVISIBILE

Per prevenire gli infortuni è fondamentale la cura dello stile di vita e di qualsiasi dettaglio anche al di fuori dell’allenamento. I consigli di Giambattista Venturati.

Nel calcio e a stagione in corso una settimana inizia e finisce con una partita. Il monte ore di lavoro fisico, tecnico e tattico può essere misurato in:

  • tre ore di gara;
  • circa dieci ore di training (per livelli agonistici elevati);
  • 155 ore di vita relazionale dei calciatori.

All’interno di quest’ultima voce, di gran lunga la più rilevante in termini di tempo occupato, c'è tutta quella che io definisco la “preparazione invisibile”.

 

LA PREPARAZIONE INVISIBILE

Possiamo definirla come la preparazione biologica che sta a fondamento del benessere del calciatore. Comprende i rapporti relazionali, il riposo, la gestione del tempo libero, la cura dell'alimentazione e tutti i dettagli che concorrono all'igiene di vita. È un aspetto fondamentale che ha importanti risvolti anche sulla prestazione perché tutto incide sul “sistema calciatore” che altri non è che un insieme di insiemi. Un altro aspetto importante da considerare è la gestione dello stress. Questo comporta variazioni chimiche determinate dalla produzione endocrina, determinata dallo stress stesso, di cortisolo, un ormone che a lungo andare può provocare un eccesso di produzione biochimica delle citochine infiammatorie.

LO STILE DI VITA, CURIAMOLO

I calciatori sono atleti e... “artisti coordinativi” con importanti capacità motorie. Generalmente, però, non sono irreprensibili nello stile di vita e, anzi, sono inclini a vizi “antisalutistici”. Quelli più a rischio infortuni, sono i fumatori, quelli che amano la vita mondana, i nottambuli e peggio se in sovrappeso. Purtroppo capita spesso che se arriva l’infortunio (annunciato) cerchino le cause nell'operato altrui. In realtà il vero responsabile della sua salute è proprio il calciatore, che dovrebbe rendersene conto.

 

FOCUS SULL’ALIMENTAZIONE

In tema di alimentazione diverse ricerche scientifiche confermano che la vitamina D giochi un ruolo importante per la salute del calciatore. Se misurata con esami ematochimici, può essere più o meno integrata, previo consulto medico, specialmente nei mesi invernali. La sua eventuale carenza, infatti, può essere un importante indicatore di rischio infortunio. Anche l'eccesso di sodio, il banale sale da cucina, non è un buon alleato e quindi con il cibo possiamo fare prevenzione, lavorando sulle lacune ematochimiche e antropometriche, con particolare attenzione al grasso in eccesso. È una corazza inutile e dannosa, sia dal punto di vista biomeccanico sia biochimico.

L'acqua, da questo punto di vista, gioca anch’essa un ruolo fondamentale. Una perdita di liquidi comporta una sicura ''depauperazione'' di prestazione muscolare e un’incidenza notevole sui possibili infortuni. Alcuni studi definiscono le quantità ideali di idratazione in misura del 3 - 4,5% del peso corporeo. Per un calciatore di 80 Kg di peso corrisponde a bere circa 2,4 – 3,6 litri di acqua al giorno.

 

LA CURA DEI DETTAGLI

Fra l’extra allenamento, in termini di prevenzione, aggiungerei anche il controllo delle calzature: quelle da gioco, da training e da tempo libero. A questo scopo i consigli del posturologo e del podologo sono di grande aiuto: è un consiglio che mi sento di dare soprattutto ai calciatori professionisti ma anche ai dilettanti: non lasciate nulla al caso e curate ogni dettaglio della vostra “preparazione invisibile”.

Clicca e scopri gli altri articoli del blog

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO GIOVANILE, IL GIOCO DEL MAGO COLORE
CALCIO GIOVANILE, IL GIOCO DEL MAGO COLORE
CALCIO, MARCATURA E INTERCETTO
CALCIO, MARCATURA E INTERCETTO

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SCARICA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN