Un blog al giorno

CALCIO E SCOUTING: LA GUIDA PRATICA

Tecnica e fisico sono qualità decisive per il calciatore ma perché si esaltino in partita occorrono capacità tattiche individuali importanti. Individuiamole.

Come abbiamo già sottolineato nei precedenti post, se è vero che ogni area di osservazione ha le sue specificità e i suoi dettagli, esistono delle "abbinate" da saper individuare. Si tratta di caratteristiche che, soprattutto nei giocatori adulti devono, pur appartenendo ad aree diverse, emergere contemporaneamente. Aree fisica e tecnica rimangono le più determinanti nel visionare un calciatore ma non risultano da sole sufficienti per il giocatore che vuole accedere a campionati di livello importante. Per puntare in alto a esse vanno accompagnate le capacità tattiche. Preciso subito, la tattica non si può fare se non si ha la tecnica. Lo sottolineo per chiarire che soprattutto i piccoli giocatori devono principalmente esercitarsi molto e per diversi anni esclusivamente dal punto di vista tecnico. Chi come noi ha l'incarico di osservatore non deve cadere nell'errore di fare valutazioni di carattere tattico quando non necessitano o sono ancora ininfluenti rispetto alle due precedenti aree.

 

QUALITÀ PRINCIPALI DA OSSERVARE

Nell’area tattica le principali vanno rivolte a:

  • posizionamento in campo;
  • marcamento;
  • smarcamento;
  • visione di gioco.

Gli aspetti tattici nel calcio, come ben sapete, sono di tipo collettivo o individuale, trattando noi lo scouting rivolto alla ricerca del buon calciatore (e non match analysis), le nostre attenzioni vanno verso la seconda opzione, la tattica individuale. Gli aspetti di tattica collettiva concernono azioni di due o più giocatori che tendono a raggiungere un obiettivo predefinito. La tattica individuale racchiude tutte le azioni eseguite in autonomia: quelle nelle quali tramite la nostra responsabilità e libertà decisionale facciamo delle scelte, occupiamo degli spazi di campo, scegliamo dei tempi di movimento e determiniamo con essi una esecuzione tecnica.

 

CI INTERESSANO GLI ASPETTI DI TATTICA INDIVIDUALE

Attenzione allora a fare una corretta valutazione sulle qualità del singolo, sia esso adulto o sia giovane, con ovviamente delle differenze sostanziali. Una cosa è se dobbiamo relazionare un calciatore adulto che va inserito con particolare velocità nel proprio organico, diversa è la valutazione se stiamo osservando un giovane per il nostro settore giovanile nel quale avrà davanti tanti anni di insegnamento a carattere tattico. Dobbiamo saper individuare in che modulo e posizione gioca, questo sì, ma mi interessa evidenziare che essendo il calcio uno sport di situazione non è quasi mai prevedibile e le scelte individuali rispetto a quelle di reparto (che sono state allenate e non sono innate) hanno per noi osservatori priorità di attenzione.

 

I QUATTRO ASPETTI NELLE DUE FASI

Ecco perché nelle due fasi di gioco (fase di possesso e fase di non possesso) dobbiamo con aaccuratezza osservare lo smarcamento e con che tempi viene eseguito il movimento. Questo vale anche per il marcamento (nella fase di non possesso palla da parte della propria squadra) i tempi di gioco e di movimento sono alla base per diventare un buon giocatore. Stesso discorso vale per posizionamento e visione di gioco. Quest’ultima permette, con i tempi giusti, di poter intercettare o interdire in fase difensiva, e serve in costruzione per poter servire prima e meglio i propri compagni. È anche importante osservare il posizionamento a difesa della porta, il bravo giocatore si posiziona con il proprio corpo il più possibile a copertura della porta. Non si deve mai voltare in caso di conclusione da parte dell'avversario e non ultimo non deve ostacolare i possibili interventi del proprio portiere. Molta attenzione, infine, alla capacità dei movimenti senza palla nei tagli e nelle sovrapposizioni, cioè quelle corse che si fanno sopra il proprio compagno che ha ricevuto palla e che spesso determinano superiorità numerica sull'avversario. Se trovate un giocatore con tutte queste caratteristiche a buon livello segnalatelo senz’altro.

 

Leggi gli altri post a cura di Riccardo Guffanti

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO GIOVANILE, IL GIOCO DEL MAGO COLORE
CALCIO GIOVANILE, IL GIOCO DEL MAGO COLORE

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN