Un blog al giorno

I RIFERIMENTI NEL CALCIO: LA SUPERFICIE

Con punto e linea la superficie rappresenta il terzo punto di riferimento spaziale del gioco del calcio. Vediamo come può essere utilizzata e a che scopo.

Per utilizzare lo spazio correlandolo a lavori analitici e di tecnica individuale, come anticipato nel precedente post, nel calcio i riferimenti principali sono il punto, la linea e la superficie. Gli obiettivi e le finalità del lavoro sul campo sono volte a: da un lato far apprendere e affinare il gesto tecnico, dall’altro insegnare ai ragazzi fin da subito a collegarlo alla didattica percettiva e spazio-temporale. Dopo avere parlato di punto e di linea (vedi post precedente) ci soffermiamo, in questo, sulla superficie.

 

LA SUPERFICIE

È rappresentata da un quadrato, un rettangolo, un triangolo o qualsiasi altra forma che non presenta nessuna apertura verso l’esterno ed entro cui possono muoversi uno o più giocatori. Riconoscere la superficie è strettamente correlato al saper leggere i vuoti il che è prerequisito indispensabile per adottare consapevolmente le strategie di costruzione della manovra:

  • aggirare;
  • attraversare;
  • scavalcare.

Quindi il giocatore deve imparare innanzitutto a riconoscere uno spazio poi a relazionarsi ad esso (sapendo che, strategicamente, può attraversarlo, aggirarlo o scavalcarlo). Ma come è possibile utilizzare la superficie nelle esercitazioni?

  • Usando il perimetro come percorso.
  • Considerare solo i vertici e impostare attività prendendoli come punti di riferimento.
  • Considerare lo spazio interno.

IL PERIMETRO DELLA SUPERFICIE

Il perimetro può essere inteso come un percorso da eseguire:

  • senza palla, volto ad allenare gli schemi posturali, gli schemi motori di base o le capacità coordinative. Ci possono essere uno o più tragitti, inoltre ogni percorso può essere arricchito da aperture o porte da abbinare
a determinati comportamenti motori che i giocatori devono compiere in prossimità delle stesse;
  • con la palla, allenando un determinato gesto tecnico. L’esempio più classico riguarda la conduzione, ma ciò non toglie che i giocatori possono essere impegnati anche nelle altre gestualità. Oppure può essere legato al lavoro su un principio di tattica individuale o collettiva. Per abituare i giocatori a formare una linea, si possono far traslare gruppi di tre o quattro in spazi differenti, in cui essi devono però mantenere  l’allineamento e la distanza iniziali tra l’uno e l’altro.

Leggi gli altri post e guarda gli esercizi a cura di Roberto Valmori

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO GIOVANILE, IL GIOCO DEL MAGO COLORE
CALCIO GIOVANILE, IL GIOCO DEL MAGO COLORE

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN