Un blog al giorno

ROMA: DZEKO E ALI CHE RIPEGANO PER SOGNARE

Compattezza in non possesso e le due fasi di transizione lette ed eseguite perfettamente da Salah e Gervinho, così i giallorossi studiano da grande squadra.

L'articolo è realizzato con la collaborazione della piattaforma Wyscout

Grande entusisasmo nella Roma dopo avere vinto il confronto con la Fiorentina dando un segnale che tutto le è possibile se riesce a gestire bene possesso e transizioni. Le qualità individuali abbinate all’organizzazione tattica, questo le ha permesso di far sua una gara così delicata. Garcia ha schierato un 1-4-3-3 molto elastico che gli ha permesso di coprire tutto il campo sia in ampiezza che in profondità in fase offensiva e difensiva. Fondamentale il lavoro, in tal senso, degli esterni alti impegnati in un doppio sacrificio di transizione positiva ma anche in ripiegamento in aiuto ai compagni (foto 1).

Foto 1: palla sull'esterno della difesa romanista, i due difensori in posizione centrale marcano a vista i rispettivi avversari, sull'esterno e addosso a chi riceve il pallone c'è il pressing degli uomini in catena.

Decisivo Dzeko che, oltre a saper difendere palla e far salire la squadra si è proposto come primo baluardo contro la manovra di impostazione della squadra viola impegnando da solo ben tre difensori (foto 2).

Foto 2: Dzeko davanti ai tre difensori viola pronto ad andare in pressione

Ne è scaturita una squadra molto corta, compatta con la linea difensiva alta e coraggiosa, anche se ha concesso qualche incursione pericolosa. Diversamente che nel recente passato, quando costretta, la Roma ha saputo difendersi con tutti gli uomini dietro la linea della palla (foto 3), per contrastare il possesso avversario rendendolo sterile e schermando possibili verticalizzazioni.

Foto 3: tutta la Roma dietro la linea della palla

VIOLA VOLITIVI MA INGENUI

Il vantaggio iniziale ha sicuramente permesso ai giallorossi di accentuare questo atteggiamento togliendo profondità ai viola e costringendoli ad un giro palla molto orizzontale e poco incisivo. La Fiorentina, oltre il settanta per cento di possesso palla, ha cercato e fatto la partita ma mai con concretezza mettendo in mostra un gioco improduttivo e privo di sbocchi. Sousa ha predisposto un 1-3-4-2-1 (foto 4) molto elastico e spregiudicato, con Bernardeschi che ha dovuto coprire tutta la fascia, ma vanificato da errori individuali determinanti come in occasione dei due gol.

Foto 4: l'1-3-4-2-1 di Sousa

Poi, una volta in svantaggio, ha cercato di rimediare passando all’1-4-3-2-1 un modulo sicuramente più funzionale rispetto alla disposizione degli avversari, ma l’inserimento delle punte ha intasato ancora di più i corridoi per le verticalizzazioni già chiuse dagli ottimi movimenti collettivi difensivi giallorossi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN