Un blog al giorno

L’ANALISI TATTICA DI SAMPDORIA SASSUOLO

Montella chiede ai suoi baricentro basso e verticalizzazioni, Di Francesco risponde con coralità dei movimenti fra i reparti e aggressività negli spazi liberi.

L'articolo è realizzato in collaborazione con la piattaforma Wyscout

Una delle partite più interessanti della quindicesima giornata è quella di Genova che vedrà di fronte Sampdoria e Sassuolo. I padroni di casa, dopo il recente cambio in panchina, non sembrano aver trovato la strada giusta, Montella è ancora a caccia dei suoi primi punti dopo due sconfitte pesanti sul piano del risultato e, soprattutto, del gioco. La squadra di Di Francesco, al contrario, fa dell’organizzazione il suo tratto distintivo e dalla sua promozione nella serie maggiore è in costante crescita. Cominciamo la nostra analisi analizzando alcuni dei problemi palesati dai blucerchiati nella batosta subita a San Siro contro il Milan. Ciò che è saltato subito all’occhio è il tentativo del nuovo tecnico di dare un’impronta alla manovra, basata sul possesso palla seguito da repentine verticalizzazioni. Nonostante disponga in mediana di giocatori in possesso di ottima tecnica – Fernando su tutti – la Sampdoria ha mostrato qualche limite di troppo nell'uscita dal pressing avversario. Troppe volte chi è in possesso palla non è riuscito a trovare un compagno libero in grado di dare continuità alla manovra, il risultato è stato un gran numero di palloni persi e troppi retropassaggi al portiere (foto 1).

Foto 1: Fernando è in possesso di palla ma i suoi compagni faticano a proporsi in zona luce. Questo costringe il centrocampista brasiliano al retropassaggio su Viviano.

LA SAMP FATICA A IMPOSTARE

Complice anche l’atteggiamento aggressivo del Milan spesso sono stati i difensori Silvestre e Regini ad avere il compito di impostare l’azione. In questi casi sono venuti fuori tutti i loro limiti tecnici, trattandosi di due giocatori più portati al lavoro di marcatura piuttosto che d’impostazione. Certo è che anche i loro compagni poco hanno fatto per muoversi in zona luce e fornire i necessari sbocchi alle uscite difensive (foto 2)

Foto 2: Silvestre è in possesso di palla e tutti i suoi compagni stazionano dietro il proprio marcatore.

I tre giocatori d’attacco blucerchiati formano potenzialmente uno dei reparti offensivi più interessanti del nostro campionato. I due attaccanti (Eder e Muriel) sono però propensi solo ad attaccare la profondità, facendo mancare i movimenti “dentro fuori” che sarebbero di grande aiuto per lo sviluppo della manovra. Questo fa sì che siano abbastanza “leggibili” dalle difese avversarie.

 

SASSUOLO: MECCANISMI OLIATI E RODATI

Il Sassuolo in fase di possesso, è squadra brillante e bella a vedersi ed è composta da elementi che giocano insieme da molto tempo e sfruttano schemi ormai consolidati. L’intenzione prediletta è quella di creare spazi sia per gli inserimenti dei centrocampisti sia per i movimenti delle punte (foto 3).

Foto 3: Una delle combinazioni nei movimenti del Sassuolo. Vrsaljko si sovrappone a destra su Floccari, il quale si abbassa per ricevere il pallone. Defrel va incontro al portatore e alle sue spalle si inserisce Sansone, lasciando libero dalla marcatura, a sinistra, Missiroli.

Ne è la prova la partita disputata contro la Fiorentina, incontro nel quale la squadra di Di Francesco non ha mai rinunciato a costruire gioco nonostante il pressing portato dai viola. Fondamentale, nell’1-4-3-3 neroverde, è la presenza di centrocampisti in grado di dare dinamismo e imprevedibilità ai movimenti collettivi. Missiroli, ad esempio, con i suoi movimenti ad allargarsi innesca l’abbassamento di Sansone, che grazie alla sua tecnica è in grado di creare superiorità numerica nella metà campo avversaria (foto 4).

Foto 4: Missiroli si allarga e Sansone si abbassa per ricevere palla. L’esterno d’attacco salta l’uomo e serve proprio Missiroli in fascia.

CAMBIO DI ATTEGGIAMENTO

In fase di non possesso Montella ha lavorato sul pressing, abbassandone il baricentro. I blucerchiati difficilmente aggrediscono gli avversari in alto, preferendo aspettarli sulla linea di centrocampo. Anche qui, però, contro il Milan s’è evidenziata qualche magagna: errori nel tempo delle uscite hanno creato diversi spazi per il Milan sulle fasce (foto 5).

Foto 5: Il centrocampo della Sampdoria stringe le proprie maglie sul versante destro del campo ma la scarsa sincronia dei movimenti agevola il cambio gioco del Milan che ha tanto campo davanti a sé

Di tutt’altra efficacia è il pressing portato dalla squadra di Di Francesco, che riesce a tenere la linea difensiva abbastanza alta da permettere al resto della squadra di pressare l’avversario sin dall’impostazione palla a terra del portiere avversario (foto 6).

Foto 6: Una fase di pressing del Sassuolo contro la Fiorentina

Montella potrebbe ricorrere a qualche modifica senza intaccare il sistema di gioco, l’1-4-3-1-2. Ci aspettiamo tentativi di verticalizzazione a tempi ridotti e una squadra leggermente più bassa e compatta, con uno tra Eder e Muriel pronto nelle ripartenze. Non ci si aspettano grandi novità, invece, dagli emiliani, il loro 1-4-3-3 rodato e consolidato garantisce buona copertura in tutte le zone del campo e pericolosità in quella offensiva.

Scritto in collaborazione con Jacopo Gornati (New G Project). 

Clicca e leggi gli altri articoli di tattica

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN