Un blog al giorno

Progressione dall'uno contro uno col Metodo Castello

FASCE D'ETA'

  • Attività di base, Attività agonistica

    OBIETTIVI

  • TECNICO:
    Dribbling

  • TATTICO INDIVIDUALE:
    Marcatura

PARAMETRI

  • NUMERO PORTIERI: 2

  • TEMPO TOTALE: 3 minuti

DESCRIZIONE

  • Ritmicamente e senza soluzione di continuità (cambiando anche i ruoli, 1’ e 30” gli A con palla e i B senza, 1’ e 30” viceversa) i giocatori partono e si affrontano in un uno contro uno con obiettivo fare gol.L’attività prevede il rispetto tassativo di una semplice regola: l’attaccante, per concludere a rete, deve obbligatoriamente superare l’avversario.

     

    GLI SVILUPPI

    Un possibile sviluppo di gioco lo abbiamo visto assieme in due post precedenti (“Andiamo in gol col Metodo Castello” e “Facciamo gol col metodo Castello”)  nei quali abbiamo proposto una progressione in sequenza e ritmica: un uno contro due (giocatore più portiere) e poi un due contro due con protagonisti entrambi i portieri. In questo post ragioniamo in termini di transizione. In età evolutiva, il livello attentivo di un ragazzo è molto basso, capita sovente che il giovane calciatore dopo aver calciato il pallone, si distragga e non segua più l'azione. Un metodo per indurlo ad evitare questo errore è quello di proporre sequenze di esercizi concatenati tra loro. Evitiamo così i classici e inutili rimproveri e imponiamo costantemente partecipazione e applicazione attentive e fisiche. 

     

    UNO CONTRO UNO E TRANSIZIONE

    A questo scopo ecco una variante. Dopo aver effettuato un tiro in porta o concluso l'azione, l'attaccante si trasforma in difensore. Per esempio, partendo dalla disposizione vista in figura 1: prima ripetuta, B attacca, A difende.Seconda ripetuta: parte A1 come attaccante e difende B. terza ripetuta: parte B1 come attaccante e difende A1.. e così via. L'obiettivo di questa variante è indubbiamente la transizione, che obbliga il giocatore a non terminare l'azione dopo il tiro, come spesso accade. Questa proposta lo costringe a trasferire immediatamente la sua attenzione da una fase di possesso a una di non possesso.

     

    UNO CONTRO UNO COL PORTIERE CHE IMPOSTA

    Un'ulteriore variante potrebbe dare il compito al portiere di far partire le azioni. Questa modifica inserisce, per l'attaccante, un ulteriore obiettivo ovvero lo smarcamento, questi verosimilmente, dovrà muoversi in ampiezza, per rendere difficile il compito di recupero al giocatore che ha concluso l'azione e sta eseguendo la transizione.

    Scopri il prossimo evento con Massimo De Paoli - clicca per leggere l'intero articolo

Effettua il login o iscriviti per scaricare l'esercizio

IMPARA LA TECNICA DAI PROFESSIONISTI

Lunedì 10 Giugno 2019

Viale dello Sport, 00037 Segni (Roma)
Ore 09:00

IMPARIAMO A DOMINARE IL PALLONE

Lunedì 10 Giugno 2019

Campo Comunale di Casamarciano - Viale Giuseppe Verdi (Rione Gescal) - Nola
Ore 08:45

LA STRADA SCENDE IN CAMPO

Lunedì 17 Giugno 2019

STADIO OLMO FERRO - LOCALITÀ NATTA - CELLE LIGURE
Ore 08:30

IMPARIAMO UNA TECNICA FUNZIONALE

Lunedì 24 Giugno 2019

Via Tommaso Traetta 70 (Infernetto) 00124 Roma
Ore 08:30

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

TECNICA, TEMPO E SPAZIO

Lunedì 8 Luglio 2019

Viale Stadio 23100 Sondrio (Campo Coni)
Ore 08:30

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN