Un blog al giorno

CALCIO: UNO CONTRO UNO IN PROGRESSIONE

Una serie di esercitazioni secondo il Metodo Castello per allenare correttamente i giovani calciatori, alternando esercizi e attività libera.

I giochi che vi presento in questo post, realizzati in progressione, possono essere considerati una sintesi e anche un’applicazione dei principi del Metodo Castello visti sino a ora su Allfootball. Vengono curati gli aspetti legati al tempo, alla percezione dello spazio e al linguaggio in un contesto ludico. Quella che vi presento è una progressione, cioè una serie di esercizi che hanno un filo denominatore comune. L’esercitazione è un mattone, la progressione è un muro composto da tanti mattoni, ma attenzione, non è detto che dieci mattoni facciano un muro…

 

COME STRUTTURARE UNA SEDUTA

Come detto, la proposta prevede momenti di lavoro incentrati su attività dalla A alla B2, all’interno dei quali gli obiettivi (mirati) sono ottenuti dando ai giocatori vincoli parziali: concediamo loro un grado di libertà “intermittente”. Il calciatore, in questo caso, non può fare tutto quello che vuole, ha dei compiti che gli sono stati assegnati alternati a momenti di piena libertà, nei quali l’obiettivo principale è il divertimento. La progressione che propongo dura quindici minuti in tutto e vi esorto a provarla. Il mio consiglio è di strutturare il quarto d’ora circa di gioco in un’alternanza fra esercizio e attività libera: tre minuti di esercitazione molto intensa e tre minuti nei quali i ragazzi sono lasciati completamente liberi di giocare. L’obiettivo è far divertire molto e far ragionare molto in poco tempo, cioè abituare i calciatori a pensare velocemente, la più importante qualità dei campioni di oggi.

 

Clicca qui e scopri i prossimi appuntamenti con Massimo De Paoli e il Metodo Castello

 

LA PROPOSTA SUL CAMPO

La progressione inizia disponendosi in un’area di gioco dimensionata in funzione del numero e dell’età dei giocatori, come in figura 1 (clicca sull’immagine per aprire la scheda completa).

Clicca sull'immagine per aprire la scheda completa dell'esercizio

Ritmicamente e senza soluzione di continuità (cambiando anche i ruoli, 1’ e 30” gli A con palla e i B senza, 1’ e 30” viceversa) i giocatori partono e si affrontano in un uno contro uno con l’obiettivo di fare gol. Questa situazione racchiude in sé elementi chiave nel calcio: fare gol (che è l'obiettivo del gioco del calcio), dribblare e tirare in porta (che sono i principi di tattica individuale più amati dai giocatori) e la sfida (il duello). L’attività prevede il rispetto tassativo di una semplice regola: l’attaccante, per concludere a rete, deve obbligatoriamente superare l’avversario. Il primo compito dell’allenatore è osservare. Cosa?

 

  • Il punto di attacco alla palla di chi non ha il pallone nei confronti di chi l’ha.
  • Se A riesce a superare B
    • Se A riesce o no a tirare in porta
    • Se A riesce a fare gol
  • Se B riesce a riconquistare palla
    • Se B riesce a tirare in porta
    • Se B riesce a fare gol
  • Infine se chi perde palla insegue o meno l’avversario.

 

Sulla base dell’osservazione, oltre a portare le opportune correzioni, l’allenatore può continuare con la progressione prefissata oppure prevedere alcune variazioni. Un esempio: proponendo l’esercizio vi capiterà di notare che spesso il giocatore senza palla tenderà ad affrontare il possessore sotto la linea di metà campo. Questo nonostante A e B partano nello stesso istante e chi non ha il pallone sia per forza più veloce: non attaccherà lo spazio assumendo un atteggiamento passivo. Il difensore dovrebbe attaccare la punta più in alto possibile, quindi riuscire a prendere posizione in marcatura nella metà campo della punta. Il passo successivo potrebbe essere, allora, introdurre l’obbligo di aggredire il portatore all’interno della sua metà campo. Quest’ultimo, dal canto suo, dovrebbe condurre andando verso il centro, la posizione più favorevole per cercare il dribbling risolutore (per leggere i possibili sviluppi in progressione dell’esercizio clicca sull’immagine, figura 1, e apri la scheda completa).

 

Leggi gli altri post con i principi e le esercitazioni del Metodo Castello.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

IMPARA LA TECNICA DAI PROFESSIONISTI

Lunedì 10 Giugno 2019

Viale dello Sport, 00037 Segni (Roma)
Ore 09:00

IMPARIAMO A DOMINARE IL PALLONE

Lunedì 10 Giugno 2019

Campo Comunale di Casamarciano - Viale Giuseppe Verdi (Rione Gescal) - Nola
Ore 08:45

LA STRADA SCENDE IN CAMPO

Lunedì 17 Giugno 2019

STADIO OLMO FERRO - LOCALITÀ NATTA - CELLE LIGURE
Ore 08:30

IMPARIAMO UNA TECNICA FUNZIONALE

Lunedì 24 Giugno 2019

Via Tommaso Traetta 70 (Infernetto) 00124 Roma
Ore 08:30

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

TECNICA, TEMPO E SPAZIO

Lunedì 8 Luglio 2019

Viale Stadio 23100 Sondrio (Campo Coni)
Ore 08:30

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN