Un blog al giorno

CALCIO, EURO 2016: LA ROMANIA

La squadra di Angel Iordanescu si presenta agli Europei con un gruppo consolidato ed esperto, una fase di non possesso blindata e tanta concretezza.

La Romania, seconda nel proprio girone di qualificazione, nel suo cammino verso Francia 2016 ha messo in mostra grande solidità difensiva, tanto da presentarsi a questa fase finale degli Europei con sole due reti subite. Guardando alla rosa, si capisce come l’allenatore Angel Iordanescu prediliga una squadra esperta e l’utilizzo di un blocco di giocatori consolidati, costantemente messi in campo sia in amichevole sia in gare ufficiali. Lo schieramento di base prevede un 1-4-4-2, con le catene esterne che svolgono un lavoro fondamentale sia in fase di possesso sia in copertura.

 

LA SPINTA ARRIVA DA SINISTRA

In fase di possesso la Romania costruisce gioco prevalentemente sulla sinistra, grazie anche alla spinta decisa che Rat, terzino su quel versante, propone con continuità (foto 1).

Non di rado le sfuriate del trentatreenne esterno basso si chiudono con un pallone giocato in area a cercare l’esterno della parte opposta, che si posiziona sempre molto largo per poi effettuare tagli decisi verso il centro dell’area di rigore. L’inizio della manovra è invece affidato prevalentemente ai due difensori centrali, che spesso ricorrono al lancio lungo per saltare la prima linea di pressing avversaria. I lanci in genere sono diretti verso gli esterni, che così possono sfruttare le sovrapposizioni dei terzini e creare superiorità numerica (foto 2).

In mezzo al campo, la qualità viene fornita da Sanmarten, che è in grado di saltare l’uomo con personalità, anche partendo dal basso.

 

ATTEGGIAMENTO ATTENDISTA E PRUDENTE

In fase di non possesso, la retroguardia rumena risulta difficilissima da battere grazie alla compattezza con cui vengono tenute le due linee di difesa e centrocampo. A livello di atteggiamento generale la squadra di Iordanescu predilige essere attendista, non ama spingersi a pressare alta. La compattezza difensiva di questa nazionale è accentuata dallo spirito di sacrificio che contraddistingue tutti gli undici giocatori in campo. Ognuno sa cosa deve fare e aiuta il compagno, coprendo molto bene tutti gli spazi e non concedendo quasi mai la profondità all’avversario (foto 3).

Punto debole dei rumeni è la qualità della circolazione palla in fase di possesso. Come detto in precedenza, vengono utilizzati molto i lanci lunghi, ma le doti tecniche non eccelse dei due centrali non garantiscono alla squadra molta qualità e nelle aperture di gioco non sono infrequenti errori di misura o scelta tattica.

 

Scritto in collaborazione con Jacopo Gornati (New G Project). 

Guarda le altre schede tecniche delle protagoniste dell'Europeo 2016

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

ABITUIAMO I GIOCATORI A TROVARE LE SOLUZIONI

Venerdì 27 Dicembre 2019

Sport City Galliate - Vicinale G. Leopardi, 14 - 28066 Galliate (NO)
Ore 08:30

STAGE DI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PER CALCIATORI

Venerdì 27 Dicembre 2019

Palauno - Largo Balestra 520146, Milano (MI)
Ore 08:45

CORSO DI ALLENATORE DELLA TECNICA E DELLA TATTICA INDIVIDUALE

Sabato 28 Dicembre 2019

Palauno - Largo Balestra 520146, Milano (MI)
Ore 09:00

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN