Un blog al giorno

CALCIO, EURO 2016: IL PORTOGALLO

Attesa e ripartenze: Fernando Santos cerca di sfruttare al massimo velocità e tecnica del reparto offensivo, ricco di talento

L'articolo è realizzato in collaborazione con la piattaforma Wyscout

Grazie alle sette vittorie su otto partite nel girone di qualificazione, il Portogallo è riuscito ad assicurarsi il pass per l’Europeo con il miglior attacco e la miglior difesa, assieme ad Albania e Danimarca. La squadra di Fernando Santos si presenta come una formazione molto organizzata a livello difensivo e con tanta qualità soprattutto nel reparto d’attacco, del quale Cristiano Ronaldo è, ovviamente, la stella. In fase di possesso palla, il Portogallo si schiera coll'1-4-4-2 e i due esterni di centrocampo quasi sulla linea delle due punte. Il sistema di gioco dei portoghesi si basa su un possesso palla abbastanza lento e per lo più portato per vie orizzontali, con Tiago, ex Juventus, a fare da regista. Le due punte, Ronaldo e Danny, si abbassano spesso per supportare la circolazione del pallone e non dare punti di riferimento alla difesa avversaria (foto 1).

Foto 1

SCOLASTICA IN POSSESSO, PREDILIGE RIPARTIRE

La circolazione di palla è finalizzata a verticalizzazioni improvvise volte a servire i tagli centrali degli esterni o i movimenti in profondità di una delle due punte. Tiago è il più attivo negli assist, ma anche gli esterni bassi servono con lanci lunghi i compagni alti in catena. I due terzini partecipano attivamente alla fase offensiva effettuando sovrapposizioni sia esterne sia interne. Sulla destra questi movimenti vengono sfruttati da Nani per scrollarsi di dosso l’eventuale raddoppio di marcatura, ricevere e puntare la porta; a sinistra, diversamente, la squadra di Fernando Santos predilige premiare il movimento in profondità di Eliseu alla ricerca del traversone dal fondo. Il cross è una delle soluzioni preferite e studiate dai portoghesi, che si propongono in area di rigore anche in tre: le due punte e l’esterno sul lato opposto che taglia. In fase di finalizzazione, viene utilizzato spesso il tiro dalla lunga distanza, nel quale Ronaldo, Moutinho e Coentrao sono pericolosissimi.

 

ATTENDE SINO A METÀ CAMPO

In fase di non possesso la squadra è ben organizzata. Al pressing alto viene preferito un atteggiamento più prudente con la linea difensiva posizionata sulla trequarti e il movimento ad accorciare sugli avversari, che viene eseguito principalmente a metà campo. Il sistema difensivo è studiato per non concedere all’avversario l’uomo libero di ricevere fra le linee. Per questo difesa e centrocampo restano molto strette e compatte, costringendo gli avversari ad attaccare sugli esterni (foto 2).

Foto 2

Giocando molto corta, la squadra gestisce bene le transizioni negative, anche grazie ai due centrocampisti molto bravi a temporeggiare sugli avversari in ripartenza e concedere il tempo necessario ai compagni per riposizionarsi. Il punto forte del Portogallo, e non potrebbe essere altrimenti visto l’organico a disposizione, è rappresentato dalle ripartenze. L’atteggiamento difensivo prudente attira gli avversari a salire con più uomini nella metà campo dei portoghesi. Chi li attacca, in caso di perdita del pallone, si vede costretto a rincorrere giocatori del calibro di Ronaldo, Nani, Moutinho e Coentrao, velocissimi, bravi nel dribbling e capaci di giocate di grande qualità nello stretto (foto 3).

Foto 3

IL PUNTO DEBOLE

A livello tattico, la corsia di destra non è impeccabile. Nonostante un discreta predisposizione al lavoro in copertura, a volte Nani si fa trovare impreparato sui cambi di gioco avversari, non seguendo il terzino e lasciando il compagno di fascia in inferiorità numerica (foto 4). Quando inoltre dovrebbe ripiegare in veloce transizione negativa tende ad affidarsi troppo al lavoro in copertura dei centrocampisti.

Foto 4

In generale, il Portogallo è una buona squadra che abbina organizzazione difensiva a qualità molto elevata nel reparto offensivo.

Scritto in collaborazione con Jacopo Gornati (New G Project). 

Guarda le altre schede tecniche delle protagoniste dell'Europeo 2016

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN