Un blog al giorno

CALCIO: GUARDARE, PENSARE E AGIRE

L'importanza della visione periferica nel processo decisionale del calciatore, le esercitazioni utili per allenarla e rendere i giocatori mentalmente più brillanti e veloci.

In un calcio che va sempre più veloce la componente tecnica va per forza inserita in un contesto di spazi e tempi sempre più ridotti. Se ai tempi di Rivera prima di una giocata il calciatore poteva controllare la palla, alzare la testa, osservare la situazione ed eseguire, oggi le decisioni devono essere prese prima che la palla sia stata controllata e poi far seguire il gesto tecnico possibilmente rapido ed efficace.

 

LA VISIONE PERIFERICA

Condizione necessaria per prendere preventivamente le corrette decisioni è aver chiara la situazione che si ha davanti e attorno a sé. Per poter analizzare mentalmente una situazione di gioco sono necessari tutti i canali che veicolano informazioni al cervello, uno di questi è la visione periferica. È una parte della vista che risiede al di fuori del centro dello sguardo (leggi al proposito anche il post dedicato a cura del biomeccanico Mauro Testa). Grazie a essa riusciamo a ricevere quasi tutte le informazioni (avversari, compagni, spazi, posizione e movimento del pallone… ) che possono permettere al giocatore di analizzare una situazione e azionare i meccanismi per cercare di risolverla.

 

ORIENTIAMO BENE IL CORPO

Per poter ricevere più informazioni possibili dall’ambiente esterno il primo e fondamentale atteggiamento è posizionare il corpo in modo di avere un campo visivo il più ampio possibile verso ciò che ci interessa. È necessario dunque proporre esercizi di coordinazione generale e specifica utili a migliorare l'orientamento del corpo, le corrette posture e la lettura di più variabili possibili. Due semplici esempi sono quelli che vi propongo nel video di apertura. Nella prima parte due giocatori si esercitano in uno skip basso laterale fra i paletti e contemporaneamente devono chiamare il colore mostrato dai compagni (ricerca di una visione a 180° dell’ambiente che li circonda). Di fianco a loro altri giocatori eseguono un esercizio di stop orientato sul colore chiamato da chi trasmette palla. Il mezzo dunque è quello di inserire stimoli visivi o uditivi anche in semplici situazioni di gioco.

 

UN'ESERCITAZIONE PIÙ COMPLESSA

Un'attività più complessa è quella presentata nella seconda parte del video e nella grafica seguente.

La squadra esegue un possesso palla quattro contro due nel quale questi ultimi si dedicano esclusivamente all’intercetto delle traiettorie di passaggio. Il lavoro importante da un punto di vista cognitivo lo fanno i quattro laterali che prima di ricevere devono leggere il colore esposto da un compagno sul lato opposto rispetto a quello di arrivo della palla e chiamare il colore del giocatore che sta passando dietro di loro in conduzione. È un esercizio da un punto di vista cognitivo molto impegnativo al quale si può arrivare progressivamente inserendo uno stimolo alla volta.

 

Scritto in collaborazione con Mauro Coltrini, guarda tutti i post della serie

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN