Un blog al giorno

CALCIO: LA SINDROME DI OSGOOD-SCHLATTER

Vostro figlio ha dolore al ginocchio? Potrebbe trattarsi di una malattia molto diffusa ma per nulla pericolosa e destinata a guarire. Individuiamola e gestiamola.

La sindrome di Osgood-schlatter, detta anche osteocondrosi dell'apofisi tibiale anteriore, è un processo degenerativo a carico della tuberosità tibiale. Fa parte del gruppo di sindromi note come osteocondrosi ed è tipica dell'età pre-adolescenziale, fra i 10 e i 14 anni più frequentemente fra i maschi. Il più delle volte colpisce una sola gamba, ma si può verificare anche in entrambe contemporaneamente. La malattia finisce verso i 18-20 anni, con il cessare della crescita e grazie alla calcificazione delle ossa.

 

DA COSA DERIVA E COME SI MANIFESTA

La patologia si manifesta più spesso nei bambini che partecipano a sport dove si deve correre, saltare o fare rapidi cambiamenti di direzione, il calcio quindi è una di quelle attività che può indurla. Colpisce mediamente uno su cinque atleti adolescenti. Nasce dal tendine che collega il quadricipite (il muscolo anteriore della coscia) con la tibia il quale esercita un meccanismo di trazione che a lungo andare provoca dolore e gonfiore. I sintomi comprendono dolore e gonfiore sotto la rotula che peggiora durante le attività sportive e migliora con il riposo. L’entità del dolore varia da soggetto a soggetto, per alcuni può essere solo lieve mentre per altri è invalidante e costante. Puo durare da qualche settimana a qualche mese e ripresentarsi fino a quando il bambino ha smesso di crescere. Le complicanze sono rare. Possono includere dolore cronco o gonfiore localizzato fino alla formazione di un rigonfiamento duro e persistente dato dalla produzione di nuovo osso. La malattia è benigna e i sintomi di solito passano senza alcun trattamento medico specifico.

 

COME VA TRATTATA

È consigliabile un periodo di riposo dalle attività sportive in fase di acuzia mentre in fase silente il bimbo può allenarsi tranquillamente. Possono poi essere utili antinfiammatori o paracetamolo, al bisogno, così come un trattamento fisioterapico con terapie antinfiammatorie e stretching della catena posteriore. L’utilizzo di ghiaccio riduce il dolore. Può essere necessario l'impiego di ortesi atte a ridurre lo stress meccanico operato dal tendine sulla tibia. Questo morbo se trascurato può causare dolore anche in età post-puberale (rendendo necessario un intervento chirurgico per rimuovere i frammenti ossei) o il distacco definitivo dell'apofisi dalla tibia: anche in questo caso è necessario un intervento chirurgico per ricongiungere le parti.

 

Leggi gli altri post a cura del dottor Stefano Respizzi

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

CALCIO E TRANSIZIONE: ALLENIAMO IL CALCIATORE A SCEGLIERE
CALCIO E TRANSIZIONE: ALLENIAMO IL CALCIATORE A SCEGLIERE
SCUOLA CALCIO: SVILUPPIAMO LE CAPACITÀ MOTORIE
SCUOLA CALCIO: SVILUPPIAMO LE CAPACITÀ MOTORIE
IL LESSICO DEL CALCIO, FACCIAMO CHIAREZZA
IL LESSICO DEL CALCIO, FACCIAMO CHIAREZZA
LE ATTIVITÀ LUDICHE PER LE SCUOLE CALCIO
LE ATTIVITÀ LUDICHE PER LE SCUOLE CALCIO

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SCARICA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN