Un blog al giorno

LA GUERRA TATTICA FRA ALLEGRI E SARRI

La grande attenzione ai particolari da parte di Allegri e Sarri ha determinato una partita bloccata da pressing aggressivo e coperture preventive da manuale.

L'articolo è stato realizzato in collaborazione con la piattaforma Wyscout

Juventus-Napoli non è stata una partita spettacolare come alla vigilia si sperava. È stata comunque la prova che, in questo momento, le due squadre sono il meglio che il calcio italiano può offrire da un punto di vista dell’organizzazione di gioco. La gara è stata caratterizzata da grandissima attenzione da parte dei ventidue in campo. Pochissime le occasioni create, e quindi concesse, nel corso dei 90’ in un match deciso nel finale da un episodio. Una delle lampanti indicazioni tattiche impartite da Allegri, pensando di dover affrontare l’attacco più forte del campionato, è stata la disposizione dei suoi in fase di non possesso: un 1-4-4-1-1 con Pogba largo a sinistra e uno tra Dybala e Morata a fare da schermo su Jorginho, regista dei partenopei (foto 1).

Foto 1: lo schieramento difensivo della Juventus.

PRESSIONE ALTA DA AMBO LE PARTI

Il Napoli, dal canto suo, ha confermato il suo 1-4-3-3 con Callejon e Insigne che in fase di non possesso si sono abbassati molto per andare a raddoppiare sui dribbling di Cuadrado o sulle sovrapposizioni dei terzini. Uno degli aspetti tattici chiave di questo incontro è stato sicuramente il pressing. Sia i bianconeri che il Napoli hanno optato per una pressione molto alta, costringendo l’avversario a forzare le giocate nella propria area di rigore (foto 2 e 3).

Foto 2: il pressing alto del Napoli.

Foto 3: il pressing alto della Juventus.

Come nella partita giocata al San Paolo contro la Fiorentina, nella quale i viola avevano avuto il coraggio di tenere la linea difensiva molto alta in pressione, il Napoli ha avuto difficoltà nel trovare soluzioni di passaggio.

 

REGISTI MARCATI A UOMO

Entrambe le squadre hanno provato a limitare il regista avversario, schermando le linee di passaggio. In questo la Juventus si è dimostrata più efficace anche grazie alla posizione avanzata di Marchisio, sempre pronto ad accorciare su Jorginho quando la prima linea di pressione formata da Dybala e Morata non riusciva a evitare l’appoggio sul regista azzurro (foto 4).

Foto 4: per tutta la partita, grande attenzione da parte dei due attaccanti della Juventus a schermare le linee di passaggio verso Jorginho. In aggiunta, Marchisio ha accorciato spesso in avanti per obbligare il mediano italo-brasiliano a giocare palla solo all’indietro.

Nonostante i tanti giocatori in campo potenzialmente pericolosi nelle ripartenze, la grande attenzione nelle coperture preventive da parte di entrambe le squadre ha fatto sì che nessuna delle due sia riuscita a creare occasioni da gol pulite. Anche quando la sfera è stata persa in posizioni critiche, difficilmente il ripartente è riuscito ad avere la superiorità numerica (foto 5).

Foto 5: situazione di ripartenza del Napoli dopo una palla recuperata nei pressi del centrocampo. Nonostante tanti giocatori accompagnino l’azione, la difesa della Juve non concede la superiorità numerica, recuperando con velocità e ordine.

FILOSOFIE DIFFERENTI SULLE PALLE INATTIVE

Assolutamente differenti le filosofie difensive in occasione delle palle inattive. La squadra di Sarri ha difeso a zona sui calci d’angolo, accorciando molto bene sul pallone e non lasciando spazio per gli inserimenti dei saltatori della Juventus (foto 6).  La squadra di Allegri, al contrario, ha optato per la marcatura a uomo, limitando così i blocchi per favorire gli stacchi di Koulibaly e Albiol su tutti (foto 7).

Scritto in collaborazione con Jacopo Gornati (New G Project). 

Clicca e leggi gli altri articoli dedicati alle analisi tattiche

Foto 6: il “castello” che forma la difesa a zona di Sarri nei calci d’angolo avversari.

Foto 7: la marcatura a uomo della Juventus su calcio d’angolo avversario.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

CALCIO: ALLENIAMO UNA TECNICA FUNZIONALE

Lunedì 20 Giugno 2022

Via Caduti dei Lager Nazisti, 28021 - Borgomanero (Novara)
Ore 08:30

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN