Un blog al giorno

LAMPO SASSUOLO IL CHIEVO CEDE

Una sbavatura tattica e i veronesi vanno ko. Gara bella, intensa e aggressiva secondo le indicazioni di Di Francesco e Maran. Partita a scacchi decisa da un episodio.

L'articolo è realizzato in collaborazione con la piattaforma Wyscout.

Come ci si poteva attendere Sassuolo e Chievo Verona hanno dato vita a un bello spettacolo nella partita giocata nel weekend pasquale. La squadra Di Francesco, pur non essendo in giornata di grazia, è riuscita a trovare la cattiveria necessaria per strappare una risicata vittoria. Il gioco e l’organizzazione dei veronesi, per larghi tratti capaci di avere il sopravvento, non sono bastati. Da un punto di vista tattico le due squadre hanno messo in campo le loro armi migliori. Il Sassuolo ha cercato di sorprendere la retroguardia gialloblù con i continui inserimenti dei centrocampisti. L’ipotesi della nostra analisi prepartita ha fatto centro. I due interni di centrocampo, in fase di possesso, sono diventati degli attaccanti aggiunti grazie a inserimenti in area effettuati con regolarità e qualità (foto 1).

Foto 1 - La pericolosità degli interni di centrocampo del Sassuolo.

Diversamente, sul movimento per vie centrali della prima punta, uno fra Brighi e Biondini s’è allargato per cercare il cross. Con questa mossa Di Francesco ha messo in grande difficoltà il reparto difensivo veronese. Izco e Radovanovic, poco veloci, hanno stentato a chiudere sugli inserimenti da dietro, e i quattro difensori hanno dovuto fare gli straordinari per cavarsela (foto 2). Il Sassuolo ha inoltre optato per il pressing ultraoffensivo già proposto in numerose altre partite, che gli ha consentito di recuperare molti palloni in posizione avanzata (foto 3). 

Foto 2 - La retroguardia veronese in affanno.

Foto 3 - L'aggressività degli emiliani.

CONTROPRESSING

Questo lo spartito dell’avvio del match. Col passare dei minuti però il Chievo oltre a coprire meglio tutti gli spazi ha iniziato a “contro pressare” più alto. Era l’atteggiamento tattico che Maran aveva previsto per i suoi, unito a tanta attenzione in difesa. L’idea era quella di costringere i difensori emiliani a effettuare lanci lunghi per liberarsi dalla pressione (foto 4). Proprio in un momento in cui i gialloblù hanno però perso in compattezza, sugli sviluppi di uno di questi lanci, è arrivato il gol dei padroni di casa (foto 5).

Foto 4 - La difesa del Sassuolo sotto pressione.

Foto 5 - Un lancio lungo coglie di sorpresa la linea del Chievo che, in affanno, commetterà fallo da rigore.

I veronesi, dal canto loro, con questo atteggiamento più propositivo hanno spesso creato i presupposti per creare occasioni da rete. Protagonisti soprattutto i due esterni di centrocampo, Birsa e Schelotto, pronti ogniqualvolta la mediana ha recuperato palla a ripartire con grande velocità (foto 6).

Foto 6 - L'aggressività degli esterni veronesi una volta riconquistata palla.

Una delle azioni più belle della gara, per fattura tecnica e dimostrazione applicata di tattica collettiva in possesso palla, è nata così: Schelotto s’è mosso sulla trequarti destra avversaria mentre il Sassuolo stava ripiegando rapidamente, Birsa è partito da sinistra e s’è accentrato, seguito da Vrsaljko, e i due hanno liberato Meggiorini. Questi ha ricevuto il lancio dell’esterno gialloblu e ha fatto partire un bolide al volo col mancino che s’è stampato sulla traversa (foto 7). 

Foto 7 - Meggiorini si allarga in zona cieca nello spazio liberato dai suoi compagni, riceverà e colpirà la traversa.

PALLE INATTIVE

Il Sassuolo ha provato qualche giocata molto interessante. Ad esempio su corner come si evidenzia in foto 8. Floccari s’è liberato in area grazie ad alcuni blocchi e ha ricevuto la palla da Berardi. L’attaccante, a sua volta, ha fatto sponda per Vrsaljko, appostato fuori area, che ha calciato di prima intenzione ma non ha centrato la porta.

Scritto in collaborazione con Jacopo Gornati (New G Project).

Foto 8 - Lo schema da corner degli emiliani che ha liberato al tiro Vrsaljko.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

MAGIA TATTICA DI SPALLETTI: LA ROMA VA
MAGIA TATTICA DI SPALLETTI: LA ROMA VA
IL CALCIO SENZA PAURA DEL SASSUOLO
IL CALCIO SENZA PAURA DEL SASSUOLO
L’ANALISI TATTICA DI SAMPDORIA SASSUOLO
L’ANALISI TATTICA DI SAMPDORIA SASSUOLO
SASSUOLO ALL’ASSALTO DEL CHIEVO
SASSUOLO ALL’ASSALTO DEL CHIEVO

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN