Un blog al giorno

INSERIAMOCI NELLO SPAZIO

Acquisiti i principi di base iniziamo a collocare i nostri movimenti combinati in una zona ben precisa di campo. Creiamo i presupposti per aprirci un varco da poter attaccare.

Maurizio Marchesini

La terza frammentazione che vi propongo è la prima, fra quelle viste sin d’ora, che si svolge in una determinata zona di campo: in alto a sinistra. Per alto a sinistra intenderemo nella metà campo avversaria, in fase di possesso e nel quarto di sinistra, beninteso che nel quarto di destra lo sviluppo della stessa è speculare. Non solo. Per la prima volta prenderemo in considerazione un modulo: l’1-4-3-3. Vorrei specificare che non ritengo un modulo migliore di un altro, ma sono convinto che i principi che reggono il mio calcio possono adattarsi meglio a un tipo di scaglionamento piuttosto che a un altro. Utilizzo il 1-4-3-3 perché, attualmente, è il sistema di gioco più utilizzato dalle grandi squadre europee e quindi il punto di riferimento più comune. È chiaro che le frammentazioni si possono adattare a qualunque disposizione, anzi, nel tempo prenderemo in considerazione alcune di esse che si svolgono nella stessa zona di campo, ma si sviluppano in sistemi di gioco differenti, e ne vedremo le eventuali differenze.

APRIRSI LO SPAZIO DA ATTACCARE

Nel caso della terza frammentazione i temi tecnici delle precedenti rimangono invariati (trasmissione, ricezione orientata, movimento senza palla), aggiungeremo un tema tattico che ritengo fondamentale per la fase offensiva: aprirsi gli spazi per poi attaccarli. Nel caso in dettaglio, otto giocatori si dispongono in un rettangolo di dimensioni variabili (vedi video) in funzione delle abilità degli stessi, ma che per semplicità indicheremo di 15 x 25 metri. Lo collochiamo nel quarto alto di sinistra, quattro atleti occuperanno i due angoli in basso, due gli angoli in alto e due occuperanno l’interno del rettangolo. Rispetto alla frammentazioni precedenti, il posizionamento dei giocatori identifica un ruolo. 1 è il difensore centrale, 2 il laterale basso di sinistra, 3 è il play, 4 è l’interno di sinistra, 5 è la punta centrale, 6 è l’esterno alto di sinistra dei 3 d’attacco. Il tutto, come già sottolineato, inserito nel contesto del modulo 1-4-3-3. Eseguita la frammentazione in una direzione, l’esercitazione continua in maniera ciclica, e si ripropone in quella opposta. Rispetto le precedenti, quando viene riprodotta nel senso contrario, ci troviamo nella nostra metà campo di destra. In questa zona, i principi su cui lavorare presentano leggere differenze, e li vedremo prossimamente nel dettaglio. Per il momento, faremo lavorare i ragazzi seguendo i criteri di base, quelli da cui siamo partiti e che già conosciamo. L’allenatore adeguerà i suoi interventi, attenendosi semplicemente a quanto appreso dai suoi allievi sino a questo stadio di apprendimento.

 

RIPETO E VELOCIZZO

Come già sottolineato in passato, ritengo la ripetizione di un gesto e di un movimento, un’ottima modalità per apprendere e fare proprie le dinamiche tipiche del calcio e i suoi principi. Nella costruzione dei miei allenamenti, in passato, ho spesso incontrato difficoltà nel trovare un modo efficace per far ripetere, con frequenza, uno stesso movimento sorretto dai principi cardine nei quali credo. Di conseguenza, credo che le frammentazioni abbiano il loro punto di forza proprio nel risolvere questa difficoltà. I ragazzi replicano lo stesso movimento più volte sino a costruire azioni in tempi sempre più rapidi. E questo li aiuta a consolidare i processi di risoluzione delle situazioni di campo in modo sempre più efficace

 

Scopri il prossimo appuntamento con Maurizio Marchesini

 

QUALE SOLUZIONE ADOTTERESTE VOI?

Una volta fatti propri questi meccanismi, sarà importante, nelle prossime esercitazioni, introdurre i fattori indispensabili a rendere il lavoro sempre più situazionale: l’avversario e la conclusione in porta. Buon lavoro a tutti dunque, vi lascio con un pensiero che vuole essere stimolo per un confronto. Se queste sono tre soluzioni che io ritengo valide per liberare uno spazio successivamente attaccabile, quali sono le vostre e come le riprodurreste in frammentazione così da poterle ripetere?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

I NUMERI DELLA MASSIMA DIVISIONE DEL CALCIO ITALIANO
I NUMERI DELLA MASSIMA DIVISIONE DEL CALCIO ITALIANO
CALCIO, UTILIZZIAMO LE SUPERFICI PER INSEGNARE
CALCIO, UTILIZZIAMO LE SUPERFICI PER INSEGNARE
SCUOLA CALCIO: SVILUPPIAMO LE CAPACITÀ MOTORIE
SCUOLA CALCIO: SVILUPPIAMO LE CAPACITÀ MOTORIE
SCUOLE CALCIO: LE PROPOSTE DEGLI ESPERTI
SCUOLE CALCIO: LE PROPOSTE DEGLI ESPERTI

IMPARA LA TECNICA DAI PROFESSIONISTI

Lunedì 10 Giugno 2019

Viale dello Sport, 00037 Segni (Roma)
Ore 09:00

IMPARIAMO A DOMINARE IL PALLONE

Lunedì 10 Giugno 2019

Campo Comunale di Casamarciano - Viale Giuseppe Verdi (Rione Gescal) - Nola
Ore 08:45

LA STRADA SCENDE IN CAMPO

Lunedì 17 Giugno 2019

STADIO OLMO FERRO - LOCALITÀ NATTA - CELLE LIGURE
Ore 08:30

IMPARIAMO UNA TECNICA FUNZIONALE

Lunedì 24 Giugno 2019

Via Tommaso Traetta 70 (Infernetto) 00124 Roma
Ore 08:30

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

TECNICA, TEMPO E SPAZIO

Lunedì 8 Luglio 2019

Viale Stadio 23100 Sondrio (Campo Coni)
Ore 08:30

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN