Un blog al giorno

LA LEZIONE DI VITA DEI PICCOLI CALCIATORI

La purezza dei bambini nell’affrontare il gioco è una sana lezione anche per noi adulti, non pensano troppo non fanno congetture, vivono lo sport, come la vita, con stupore e spontaneità.

È estate e il rettangolo verde è avvolto dal silenzio... Sembra un mare calmo che si riposa al sole, dopo aver tanto ondeggiato delle grida di piccoli calciatori. Grandi onde fatte di lunghe corse, improvvisi scatti e cambi di direzione... E quando, nei pomeriggi di allenamento, si colorava di cinesini e conetti gialli, blu e rossi, questi sembravano boe intorno alle quali l'energia limpida di ogni bambino si orientava nel perseguire la sua rotta. Anche sotto la pioggia di dicembre, sotto le nubi di coriandoli a febbraio e quando, in aprile, tra i fili d'erba cominciavano a comparire delle piccole margherite. Anche allora quel mare continuava a respirare di piccole onde, di faccette piene di entusiasmo e vita che all'unisono con il vento e l'azzurro del cielo compivano il loro moto cristallino. Ora che la scuola calcio si è conclusa quel mare è calmo. Una calma di attesa. Come le aule di scuola avvolte anch'esse dal silenzio, come gli zaini e gli scarpini momentaneamente riposti nell'angolo di una cameretta. Se ci poniamo a osservare un campetto vuoto forse riusciamo a comprendere il vero senso del calcio così come lo vivono i bambini, nello stesso modo in cui si osserva il mare, o come si osserva un paesaggio meraviglioso d’alta montagna oppure un fiore di cactus che sboccia miracolosamente da una pianta abituata a vivere in un terreno arido.

 

IL CALCIO PER I PICCOLI È STUPORE E ISTINTO

Il calcio per i bambini è stupore. Loro non sanno che i saggi maestri Zen esortano a vivere di sensazioni immediate e a non pensare e ripensare a ciò che si fa per non intorpidire le acque della mente di rimuginii che ci allontano dal senso di assoluto e di pace. I bambini lo fanno spontaneamente, perché la vita non li ha ancora intorpiditi di congetture. E nel giocare a pallone provano gioia e diventano un tutt'uno con la natura, con la bellezza. Loro incarnano la purezza in tutto ciò che fanno. Con questo atteggiamento il mondo è nelle loro mani, perché ne sono parte integrante e ogni loro movimento è così in armonia con tutto il resto che procura loro quel benessere che noi adulti spesso aneliamo e cerchiamo a destra e a manca, ogni giorno. Ci sono alcuni di noi che lo cercano attraverso il denaro, nelle soddisfazioni fittizie, nelle abbuffate di cibo o di abbigliamento, nel vincere mere competizioni con altri simili e anche, a volte, nella solitudine. Forse alla base della sconfitta mentale, che talvolta ci sembra inevitabile così come nel calcio sembra esserlo una partita fatalmente persa, c'è proprio questa attitudine a concentrarsi disperatamente sul raggiungimento del successo, a cercare soddisfazioni nelle cose materiali ed effimere.

E LA VITTORIA AVVIENE IN UN LAMPO

Un grande maestro Zen, Taisen Deshimaru, insegna: «se desideriamo vincere, non vinceremo», vale a dire che non bisogna concentrarsi sul desiderare, ma agire senza pensare a niente, spinti solo dalla propria energia e dalla voglia di combattere «come se fosse in gioco la vita stessa». Proprio come fanno i samurai quando, con un fiore di ciliegio posto sotto l'armatura, scendono in campo. Lo sport dovrebbe essere praticato concentrati solo sui propri gesti, sulle emozioni del momento e senza pensare a nulla, come a nulla pensano le onde del mare o le gocce di pioggia che bagnano i k-way indossati dai bimbi in allenamento. «Se l'atteggiamento è quello giusto», come dicono i maestri Zen, «la vittoria avviene in un lampo». Quindi proviamo a vedere il rettangolo verde con gli occhi del bambino che siamo stati e anziché suggerire ai piccoli calciatori come fare per vincere; lasciamoci ispirare da loro a reimparare a vivere nell'immediato e in modo semplice. Forse lo stupore e la pace giungerà in un attimo anche dentro di noi. (Foto di copertina Roberto Casati)

 

Clicca e scopri il prossimo evento con Isabella Gasperini

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

CALCIO E TRANSIZIONE: ALLENIAMO IL CALCIATORE A SCEGLIERE
CALCIO E TRANSIZIONE: ALLENIAMO IL CALCIATORE A SCEGLIERE
SCUOLA CALCIO: SVILUPPIAMO LE CAPACITÀ MOTORIE
SCUOLA CALCIO: SVILUPPIAMO LE CAPACITÀ MOTORIE
IL LESSICO DEL CALCIO, FACCIAMO CHIAREZZA
IL LESSICO DEL CALCIO, FACCIAMO CHIAREZZA
LE ATTIVITÀ LUDICHE PER LE SCUOLE CALCIO
LE ATTIVITÀ LUDICHE PER LE SCUOLE CALCIO

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SCARICA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN