Un blog al giorno

CALCIO: I MUSCOLI, LA FORZA

Il muscolo esprime energia reclutando stimoli elettrici nervosi, numero di fibre e ingrandendole. La forza muscolare si incrementa così.

Nel precedente post ci siamo occupati di capire come funziona il muscolo e come si comporta nelle tre principali azioni del quale è protagonista (concentrica, eccentrica e isometrica). In questa ulteriore sequenza video, tratta dall’appuntamento che Allfootball ha organizzato ad Appiano Gentile (ospiti dell’Inter) con i lettori, il dottor Stefano Respizzi spiega quali sono gli aspetti fisiologici che sottendono all’energia che il muscolo esprime, e cioè la forza. L’aumento della forza prodotta da un muscolo dipende da tre fattori: l’incremento della frequenza di scarica elettrica (arriva dal sistema nervoso) delle unità motorie reclutate, l’aumento del loro numero e la loro dimensione. Per incrementare la nostra forza muscolare, tenendo conto che ognuno di noi ha un limite e per ognuno di noi esso è diverso, possiamo dunque lavorare in due direzioni: reclutare più unità motorie possibili e ingrandirle. Nel calcio e per qualsiasi essere umano, conoscere i corretti carichi di lavoro e le adeguate metodologie è fondamentale per raggiungere questo scopo e, di conseguenza, non solo portare il giocatore al suo massimo livello di forza esprimibile, ma anche e soprattutto per la riabilitazione successiva a un infortunio. Quando ci facciamo male e restiamo immobilizzati si perde tono muscolare perché il cervello non destina più risorse a una parte di noi che in quel momento non funziona, non è utile.

 

I CRITERI PER LAVORARE SULLA FORZA

Come si fa allora a recuperare quello che si è perso? Come si aumenta quindi la forza? Si lavora su scelta e ordine degli esercizi, intensità degli stessi, tempi di recupero e progressione dei carichi di lavoro. Tenendo conto che importanti studi effettuati indicano nel 55 – 60% della resistenza massima al singolo sforzo il carico ideale, è facile comprendere come sotto questo livello non si lavora affatto, e sopra rischiamo di sovraccaricare la muscolatura. Per questo, oltre ad altri mezzi come le leve, le camme e le pulegge, uno degli strumenti più interessanti da utilizzare sono gli esercizi a resistenza elastica variabile, che saranno oggetto dei prossimi post in questo blog e in quello dedicato alla preparazione fisica del calciatore a cura di Ivan Carminati. Gli esercizi a resistenza elastica variabile sono appunto consigliati in riabilitazione e per chi vuole fare attività fisica a qualsiasi età perché consentono lavori che molto raramente generano sovraccarichi.

 

Leggi gli altri articoli a cura del dottor Respizzi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

IMPARIAMO UNA TECNICA FUNZIONALE

Lunedì 24 Giugno 2019

Via Tommaso Traetta 70 (Infernetto) 00124 Roma
Ore 08:30

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

TECNICA, TEMPO E SPAZIO

Lunedì 8 Luglio 2019

Viale Stadio 23100 Sondrio (Campo Coni)
Ore 08:30

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN