Un blog al giorno

CALCIO: L’ALTERNANZA RIPOSO LAVORO

Come vanno gestite le pause all’interno della seduta di allenamento? Le opinioni dei lettori e quella con i consigli del presidente dell’Aipac Stefano Fiorini.

La questione proposta questa volta dal gruppo Grandi Allenatori “come gestire l’alternanza tra lavoro e riposo all’interno della seduta di allenamento” è molto vasta. Il tempo di recupero, in preparazione fisica per esempio, è uno dei parametri fondamentali nella costruzione delle attività aventi obiettivi condizionali. In parte il tema è stato già trattato nella sezione Alleniamoci Insieme due stagioni or sono nei blog di Gianluca Ciofi (con i consigli di Giorgio D’Urbano) e in quello di Francesco Leone nella stagione scorsa (tutor Stefano Fiorini). Abbiamo girato il quesito proprio al presidente dell’Aipac ed ecco cosa ci ha risposto.

 

IL RIFERIMENTO È L’OBIETTIVO DELLA SEDUTA

«La corretta gestione del rapporto tempo di lavoro tempo di riposo – spiega Fiorini -  dipende essenzialmente dall’obiettivo della seduta e dalle condizioni climatiche nelle quali ci alleniamo. Se nel corso della seduta vogliamo privilegiare il volume i recuperi fra le esercitazioni devono essere necessariamente più brevi. Se, invece, puntiamo alla qualità il recupero fra le esercitazioni deve essere ampio, sono i due concetti legati all’intensità attorno ai quali ruota il ragionamento di Emanuele Tedoldi e quello di Simone Innocenti. La proposta di Christian Lupo Lupo Calì è valida, l’importante è che si abbia chiaro quale obiettivo si vuole raggiungere e eventualmente rimodulare i minutaggi in un senso o in un altro. Stesso discorso vale per quello che dice Marco Osti, recupero attivo va benissimo orientato però sempre a richiesta o di volume o di qualità, che vanno in direzioni differenti. Vi faccio un esempio a carattere generale La seduta tattica di preparazione e in prossimità del campionato dovrà avere momenti di intensità simili alla gara (per ricreare situazioni vicine a quelle della partita) di breve durata e con recuperi ampi che potrebbe essere il caso della proposta di Giacomo Peron. Molto conta poi il clima. Con molto caldo è preferibile adottare recuperi frequenti e idratarsi molto come dice giustamente Michele Pappalardo e, col freddo privilegerei la continuità di lavoro, per ovvi motivi sulla falsariga di quello che propone Mario Rossi»

 

I BLOG DI CARMINATI, VENTURATI E QUELLO DELL’AIPAC

A questo proposito, inserite in diversi contesti a seconda dell’argomento di ogni singolo post, potete trovare preziose indicazioni e molti consigli pratici nei blog di professionisti di preparazione fisica quali Roberto Sassi, Ivan Carminati, Giambattista Venturati, Roberto De Bellis e quello curato da Andrea Cattozzo per l’Aipac.

 

Leggi gli altri post con i quesiti del gruppo GA e le risposte degli esperti

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

ABITUIAMO I GIOCATORI A TROVARE LE SOLUZIONI

Venerdì 27 Dicembre 2019

Sport City Galliate - Vicinale G. Leopardi, 14 - 28066 Galliate (NO)
Ore 08:30

STAGE DI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PER CALCIATORI

Venerdì 27 Dicembre 2019

Palauno - Largo Balestra 520146, Milano (MI)
Ore 08:45

CORSO DI ALLENATORE DELLA TECNICA E DELLA TATTICA INDIVIDUALE

Sabato 28 Dicembre 2019

Palauno - Largo Balestra 520146, Milano (MI)
Ore 09:00

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN