Un blog al giorno

CALCIO: LE GUIDE PER GLI ISTRUTTORI

Al lavoro con i Primi Calci, una fascia d'età per la quale la figura dell'allenatore rappresenta un punto di riferimento e un esempio da cui attingere.

Nei bambini che appartengono alla fascia d'età che va dai sei ai sette anni avviene un cambiamento radicale rispetto ai Piccoli Amici. Finisce il loro innamoramento per i genitori e il sentimento che provano nei loro confronti assume le parvenze dell'amore. Proprio come avviene nelle coppie. Passati i primi tempi durante i quali la persona di cui ci si è innamorati è idealizzata ci si rende conto dei limiti dell'altro, degli aspetti del suo carattere che non sopportiamo o che ci irritano. In ogni caso si continua ad amarla ma in un contesto più realistico. Così accade al bambino di questa età. L'amore fino ad allora indirizzato esclusivamente ai genitori inizia a essere rivolto a se stesso e agli altri. La figura del mister affascina e incuriosisce. È lui che ora viene idealizzato.

 

Scopri il prossimo appuntamento con Isabella Gasperini

 

ATTENZIONE AI GIUDIZI AFFRETTATI

Più che mai in questa fascia d'età bisogna lasciare il bambino libero di farsi una sua idea del mister e dei compagni. Sentire noi adulti che esprimiamo giudizi sui loro compagni d'avventura, specie se sono negativi, può far scaturire nei piccoli un vissuto di grande conflitto. A questa età il bambino inizia a dubitare di essere “al centro dell'universo”, si accorge che nella realtà esistono anche gli altri oltre a lui. Il giudizio di chi li circonda, grandi e piccini diviene un modo per riconoscersi, per apprezzarsi ma anche causa di crisi nel caso sia svalorizzante.

 

GENITORI E MISTER, ADULTI DI RIFERIMENTO

È bene quindi gratificarli spesso e nel caso vengano rimproverati dare loro soluzioni per fare meglio la prossima volta, esortandoli a credere nelle loro capacità. Per esempio anziché «i cinesini vanno saltati e non pestati come fai tu» potremmo direi «se salti meglio come ti ho visto fare altre volte non pesterai i cinesini, dai mostrami come lo sai fare bene». La figura del mister, come la figura genitoriale, in questa fascia d'età diviene un polo identificatorio. Il bambino prende spunto dagli adulti di riferimento per acquisire un modo di essere. Questa considerazione deve farci riflettere su con ci poniamo nei loro confronti, ogni nostro atteggiamento potrebbe avere grande influenza.

 

Leggi gli altri post

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO GIOVANILE, IL GIOCO DEL MAGO COLORE
CALCIO GIOVANILE, IL GIOCO DEL MAGO COLORE

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN