Un blog al giorno

Conosci il cardiofrequenzimetro?

È lo strumento più utilizzato per la valutazione del carico cardiaco nel gioco del calcio, con e senza palla. Consigli per un corretto utilizzo.

Report di sessione, ricavata dal software Polar System-2

Tra gli strumenti di controllo del carico di allenamento il più diffuso è sicuramente il cardiofrequenzimetro, che permette di valutare la risposta cardiaca all’esercizio e di quantificare parte del carico interno del singolo atleta. Con l’evoluzione tecnologica si è passati da strumenti ingombranti e limitanti a strumenti da polso in grado di registrare e trasmettere il segnale in diretta (telemetria) a una centralina, permettendo aggiustamenti del carico non solo da una seduta all’altra, ma anche nella seduta stessa.

I sistemi sono solitamente composti da una fascia toracica o da una maglietta appositamente sensorizzata che acquisiscono i battiti cardiaci e li inviano a un ricevitore, sia esso un orologio da polso piuttosto che un PC. Un requisito fondamentale del sistema è la possibilità di registrare i dati, in modo da poterli analizzare in “live” o a fine allenamento. Registrati i dati, è possibile realizzare una tabella riassuntiva del carico cardiaco dell’allenamento, valutando in questo modo il raggiungimento o meno degli obiettivi cardiocircolatori prefissati: se ne riporta qui di seguito un esempio (vedi tabella).

 

Quale carico?

Per quantificare il carico a cui è stato sottoposto il sistema cardiocircolatorio del singolo atleta il metodo più rapido e diretto è quello di sommare i minuti trascorsi in diverse fasce d’intensità cardiaca, stabilite a priori grazie agli studi della fisiologia e del modello prestativo del calcio. Le ricerche hanno evidenziato che una partita di calcio si gioca a una FC media pari all’85% della FC-max dell’atleta e che almeno per 45 minuti si rimane sopra tale soglia, un primo riferimento; se invece si vogliono evidenziare gli adattamenti fisiologici è possibile individuare come soglia un’intensità pari al 90% della FC-max, al di sopra della quale si verificano gli adattamenti organici ricercati con l’allenamento metabolico. Questi due riferimenti (le ultime due colonne della tabella) e la loro somma sono i valori più importanti in questo tipo di valutazione.

Un metodo più articolato è rappresentato dai diversi sistemi TRIMP (Training Impulse), che moltiplicano ogni secondo passato a una determinata intensità per un valore arbitrario tanto più alto quanto vicino alla FC-max. Sommando i valori rilevati delle singole sedute della settimana si può ottenere il carico cardiaco settimanale, utile riferimento per la programmazione della settimana successiva.

Osservando il report di fine seduta (tabella) o fine settimana è possibile notare la grande variabilità intra e inter individuale, dettate dalla condizione fisica, dal tipo di allenamento, dalle caratteristiche fisiologiche, dal ruolo di gioco e dall’impegno del giocatore.

Un’ulteriore analisi è rappresentata dal monitoraggio delle FC massime raggiunte in allenamento e della diminuzione della FC nel primo minuto successivo a un determinato esercizio standardizzato: in questo secondo caso è possibile calcolare il valore di T/2 oppure il decremento in valore assoluto.

La registrazione di diversi mezzi di allenamento danno la possibilità di apprezzare la variabilità della risposta cardiocircolatoria a esercitazioni con e senza palla (vedi grafico): risulta evidente come sia più facile la “gestione” dell’intensità durante il lavoro “a secco” rispetto a quello tecnico-tattico.

Tracciato cardiaco di un allenamento con la palla nella prima parte e senza nella seconda parte dell’allenamento

Considerazioni pratiche per l’allenamento

Il cardiofrequenzimetro è uno strumento utile per il controllo del carico cardiaco per gli allenamenti con e senza palla. Il sistema “live” permette di stimolare i giocatori durante l’allenamento e modificare tempi di lavoro e di recupero.

Con la collaborazione di Antonio Gualtieri

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SCUOLA CALCIO: L'ANALISI DELLE ATTITUDINI DEI GIOVANI
SCUOLA CALCIO: L'ANALISI DELLE ATTITUDINI DEI GIOVANI
CALCIO: LE ANALISI POSTURALI DINAMICHE
CALCIO: LE ANALISI POSTURALI DINAMICHE
I PRINCIPI GUIDA PER IMPOSTARE LA SQUADRA
I PRINCIPI GUIDA PER IMPOSTARE LA SQUADRA
CALCIO: EURO 2016, LA FINALE AI RAGGI X
CALCIO: EURO 2016, LA FINALE AI RAGGI X

IMPARA LA TECNICA DAI PROFESSIONISTI

Lunedì 10 Giugno 2019

Viale dello Sport, 00037 Segni (Roma)
Ore 09:00

IMPARIAMO A DOMINARE IL PALLONE

Lunedì 10 Giugno 2019

Campo Comunale di Casamarciano - Viale Giuseppe Verdi (Rione Gescal) - Nola
Ore 08:45

LA STRADA SCENDE IN CAMPO

Lunedì 17 Giugno 2019

STADIO OLMO FERRO - LOCALITÀ NATTA - CELLE LIGURE
Ore 08:30

IMPARIAMO UNA TECNICA FUNZIONALE

Lunedì 24 Giugno 2019

Via Tommaso Traetta 70 (Infernetto) 00124 Roma
Ore 08:30

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

TECNICA, TEMPO E SPAZIO

Lunedì 8 Luglio 2019

Viale Stadio 23100 Sondrio (Campo Coni)
Ore 08:30

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN