Un blog al giorno

CALCIO E CULTURA DELL’ALIBI

Sapersi mettere in discussione è una delle principali qualità dei grandi campioni: scaricare le colpe sugli altri, viceversa, è di chi non vuole crescere e migliorarsi.

La frase di copertina di Mario Alberto Kempes, centravanti della nazionale argentina campione del mondo nel 1978 e goleador famoso per la sua impetuosità e vigoria fisica fa trasparire quello che è stato, da calciatore. Un vincente, non un giocatore straordinario tecnicamente ma lottatore, autocritico e di indole positiva: le qualità di chi vuole crescere e migliorarsi. Accettare la sconfitta dunque per trarne beneficio, utilizzarla come momento di riflessione, di lavoro sugli errori e di crescita. Viceversa se c’è qualcosa che limita la nostra maturazione, nello sport, è la cultura dell’alibi, il “non è colpa mia”. Addossare ad altri o a qualcos’altro al di fuori di noi le responsabilità di un piccolo o grande fallimento, un errore o una sconfitta, altri non è che un atteggiamento da “perdenti”. Lo è perché è il più grosso ostacolo al miglioramento delle nostre prestazioni.

 

NON È COLPA MIA

Su questo tema sono cliccatissimi sul web i brevi monologhi di Julio Velasco, l'ex ct della nazionale azzurra di pallavolo, tutt’ora utilizzati nei corsi di formazione federali per allenatori. Non è responsabilità mia, non potevo fare di più, è stata sfortuna, colpa dell’arbitro, colpa dei compagni: fino ad arrivare a prendersela col campo o col pallone. Sono pensieri che equivalgono a una resa, un tentativo di difendere e conservare la propria autostima lesa da un problema senza voler affrontarlo. È un atteggiamento che limita la crescita, la congela. È di chi non lotta per una meta se richiede troppi sacrifici, aspetta inutilmente che le cose accadano da sole senza cercare di conquistarle e quando vanno male si guarda intorno per cercare i responsabili. La cultura dell’alibi è il peggior nemico per chi vuole fare sport agonistico ed è da perdenti, perché i perdenti non si mettono mai in discussione e non crescono, mai.

 

Leggi gli altri post a cura di Gianluca Ciofi

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

IMPARA LA TECNICA DAI PROFESSIONISTI

Lunedì 10 Giugno 2019

Viale dello Sport, 00037 Segni (Roma)
Ore 09:00

IMPARIAMO A DOMINARE IL PALLONE

Lunedì 10 Giugno 2019

Campo Comunale di Casamarciano - Viale Giuseppe Verdi (Rione Gescal) - Nola
Ore 08:45

LA STRADA SCENDE IN CAMPO

Lunedì 17 Giugno 2019

STADIO OLMO FERRO - LOCALITÀ NATTA - CELLE LIGURE
Ore 08:30

IMPARIAMO UNA TECNICA FUNZIONALE

Lunedì 24 Giugno 2019

Via Tommaso Traetta 70 (Infernetto) 00124 Roma
Ore 08:30

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

TECNICA, TEMPO E SPAZIO

Lunedì 8 Luglio 2019

Viale Stadio 23100 Sondrio (Campo Coni)
Ore 08:30

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN