Un blog al giorno

CALCIO: PIÙ PREVENZIONE MENO INFORTUNI

Il posturologo di fama mondiale Vincenzo Canali scende in campo per consigliare preparatori e allenatori su come valutare e lavorare con calciatori adulti e di settore giovanile.

Il posturologo di fama internazionale Vincenzo Canali (fra gli atleti da lui seguiti ci sono i campioni di atletica leggera Antonietta di Martino, Giuseppe Gibilisco, Stefano Baldini e Yelena Isinbaeva solo per citarne alcuni) è stato anche consulente relatore del Centro Tecnico Figc di Coverciano ed è figura di riferimento in materia per l’Aipac. Ha lavorato anche con numerosi calciatori e nella sua filosofia il campione di Serie A è uguale al giocatore dei campionati cosiddetti minori, perché come spesso afferma “cambia la serie, ma non il problema”. «L’errore che vedo fare – ci spiega - è proporre lo stesso esercizio, o meglio lo stesso modo di svolgere l’esercizio e gli stessi carichi per tutti. Indistintamente. Il preparatore atletico, invece, dovrebbe personalizzare il lavoro con i singoli calciatori. Gli esercizi a livello funzionale, seppur necessari, daranno risultato soltanto se svolti con qualità e con un contenuto che non può e non deve essere uguale per tutti.»

Vincenzo Canali

Da un punto di vista posturale qual è l’aspetto da osservare per primo nel calciatore?
«Il bacino, perché è lì che ogni suo movimento ha il baricentro. Una posizione non corretta influisce sul sistema polpacci – quadricipiti - muscoli posteriori - pettorali ecc., che si accorcia. In questa condizione, il giocatore, quando calcia, chiama agli straordinari le articolazioni del ginocchio e aumenta gli angoli di estensione dell’anca, alzando il rischio di stiramenti e pubalgie. Il posturologo legge le cause che bloccano la posizione del bacino.»

 

Preparatore atletico e posturologo, come possono collaborare?
«Premettiamo che parliamo di posturologo che cura la riprogrammazione posturale. Il suo compito è mettere in grado il preparatore di lavorare sulla causa del dolore muscolare e non soltanto sulla sua conseguenza, fornendogli gli strumenti adatti: dovrà proporre esercizi da svolgere in angoli accettabili per il singolo calciatore.»

 

Scopri il prossimo appuntamento con Vincenzo Canali

Calciatore adulto e giovane calciatore: cosa cambia?
«Nell’adulto la problematica deriva da uno standard di apprendimento che è già consolidato, quindi il nostro intervento è sì per prevenzione, ma soprattutto per risolvere i problemi quando purtroppo sono già in atto. Saranno quindi soluzioni valide, ma certamente più intense e mirate. I giovani, avendo alle spalle meno anni di attività, hanno automatismi meno accentuati. Il preparatore, in questo caso, dovrebbe far svolgere loro della ginnastica preventiva. I piccoli scompensi che hanno, se non corretti, porteranno a squilibri più accentuati e si consolideranno nel tempo. La ginnastica preventiva gioca un ruolo molto importante, aiuta a limitare e/o diminuire i traumi tipici della crescita, che vengono accentuati dagli atteggiamenti sbagliati del bacino e delle caviglie, due parti del corpo che nel calcio sono molto utilizzate.  Con i più giovani basta la classica occhiata generale e semplici test di mobilità articolare. Non serve chissà quanto tempo per rendersi conto se c’è qualcosa da correggere: ci accorgiamo di chi fa fatica a chiudersi in avanti o di chi fa fatica a flettere il ginocchio e così via. E con altrettanti semplici esercizi il problema si risolve velocemente. Prima si dà al ragazzo un minimo di elasticità, che permette di ripristinare le posizioni, poi si insegna il movimento.»

 

Lei tiene diversi corsi: c’è una parte che predilige?
«Sicuramente la pratica! Per me è tanto utile quanto necessario verificare sul campo quanto viene affermato dalla teoria. Gli esercizi, o meglio, lo svolgimento degli esercizi si impara soltanto con la pratica.»

 

Leggi le altre interviste di Allfootball ai professionisti dello sport e del calcio

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

IMPARA LA TECNICA DAI PROFESSIONISTI

Lunedì 10 Giugno 2019

Viale dello Sport, 00037 Segni (Roma)
Ore 09:00

IMPARIAMO A DOMINARE IL PALLONE

Lunedì 10 Giugno 2019

Campo Comunale di Casamarciano - Viale Giuseppe Verdi (Rione Gescal) - Nola
Ore 08:45

LA STRADA SCENDE IN CAMPO

Lunedì 17 Giugno 2019

STADIO OLMO FERRO - LOCALITÀ NATTA - CELLE LIGURE
Ore 08:30

IMPARIAMO UNA TECNICA FUNZIONALE

Lunedì 24 Giugno 2019

Via Tommaso Traetta 70 (Infernetto) 00124 Roma
Ore 08:30

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

TECNICA, TEMPO E SPAZIO

Lunedì 8 Luglio 2019

Viale Stadio 23100 Sondrio (Campo Coni)
Ore 08:30

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN