Un blog al giorno

CALCIO: L’ARTICOLAZIONE SACRO ILIACA

Centro nevralgico della mobilità del calciatore, il bacino va monitorato e tenuto in equilibrio, pena l’insorgere di infortuni. Considerazioni e consigli.

La sacro iliaca è un’articolazione molto importante per il corpo umano e la colonna vertebrale (vedi post dedicato). Spesso anche gli atleti professionisti dimenticano o trascurano completamente la valutazione della sua mobilità e ciò può essere causa di infortunio. Il nostro bacino deve essere in grado di ammortizzare forze potenzialmente dannose che si generano quando i muscoli a esso collegati superano in elongazione (meccanicamente parlando) il loro limite naturale. Un bacino che presenta un conflitto della sacro iliaca non è in grado di farlo.

 

EZIOPATOGENESI DELLA SINDROME E CONSEGUENZE

Il conflitto sacro iliaco determina tutta una serie di conseguenze: a livello muscolare dolori nella zona del piriforme e a livello nervoso sintomatologie a carico del nervo sciatico. Tale problema influisce, inoltre, sulla postura del soggetto e sulla sua mobilità complessiva. Alcune cause di blocco sacro-iliaco sono dovute a lesioni causate da traumi diretti e si distinguono in:

  • lesioni di tipo sacro-iliaco, che derivano da un problema di origine lombare (per esempio, causati da movimento di flessione, inclinazione laterale e rotazione controlaterale);
  • lesioni di tipo ileo-sacrali, che invece sono provocate dall’arto inferiore (per esempio, in caso di caduta a terra su ginocchio flesso o calcio mancato al pallone).

Questi tipi di lesioni, di solito, danneggiano i legamenti che supportano l’articolazione, allungandoli eccessivamente con conseguente spasmo nei muscoli che supportano schiena e bacino.

 

FATTORI CHE ALTERANO LA FUNZIONALITÀ

Fra quelli biomeccanici, i problemi più comuni sono:

  • disomogeneità della lunghezza delle gambe;
  • overpronazione;
  • torsione unilaterale del bacino;
  • squilibrio dei muscoli che interessano il bacino.

Ha influenza, inoltre, il livello di mobilità del bacino, cioè se c’è:

  • troppo movimento (ipermobilità)
  • troppo poco movimento (ipomobilità).

Un soggetto che non è in grado di controllare muscolarmente l’area delle pelvi, che non è sufficientemente forte o che è troppo lasso da un punto di vista legamentoso potrebbe avere iper escursioni articolari tali da danneggiare e mettere in conflitto l’articolazione sacro-iliaca. Questo è il motivo per cui vanno eseguiti esercizi dedicati al suo sblocco, nei quali il movimento deve essere svolto lentamente e in pieno controllo dei propri muscoli. Nel prossimo post ve ne proporremo diversi, assieme ad alcune indicazioni sulla sintomatologia dell’insorgenza di questa fastidiosa disfunzione.

 

Leggi gli altri post e guarda gli esercizi a cura di Mauro Testa

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN