Un blog al giorno

L’ESTATE DELLA CALCIATRICE

Non solo relax, la bella stagione ci offre il tempo per lenire gli acciacchi e fare prevenzione in vista della prossima stagione. Consigli ed esercizi per tenersi in forma.

In passato in questo blog abbiamo sottolineato come la calciatrice sia più soggetta, rispetto ai colleghi uomini, a un certo tipo di infortuni a causa della sua naturale struttura morfologica. La pausa estiva può rappresentare allora un periodo perfetto per dedicarsi a un’attività che solitamente viene trascurata: la prevenzione. Prevenire vuol dire allenare il proprio sistema neuromuscolare a contrarsi quantitativamente e qualitativamente nel modo corretto per affrontare efficacemente le improvvise accelerazioni e decelerazioni tipiche del calcio. Le colonne portanti della prevenzione possono essere riassunte nell’allenamento propriocettivo (sul quale ci concentriamo in questo post), nella core stability, nella mobilità statica e dinamica oltre che in uno stile di vita sano anche nell’alimentazione. Sono infine molto importanti i corretti tempi di recupero dopo intensi sforzi fisici. Se l’obiettivo della calciatrice è anche quello di essere un’atleta è opportuno comportarsi come tale anche durante le vacanze. La bella stagione serve per rilassarsi, ma ci regala anche tanto tempo a disposizione, che quando siamo in piena attività non abbiamo. I tornei amatoriali e le attività ricreative ci offrono l’opportunità di non perdere totalmente l’efficienza fisica. Calcetto, nuoto, ciclismo, anche il beach volley, sono molti gli sport consigliati. Sollecitazioni diverse dalla routine calcistica di stagione stimolano la muscolatura e le articolazioni in modo più completo sia a livello condizionale sia coordinativo. Io consiglio, inoltre, sulla base di quanto ci spiega Ivan Carminati nel suo blog, di approfittare della pausa estiva per recuperare da acciacchi fisici trascinati e trascurati nel corso della stagione agonistica. 

L’ALLENAMENTO PROPRIOCETTIVO

Serve ad acquisire stabilità funzionale e neuromuscolare sia per le strutture lesionate sia per quelle sane, provocando una migliore e anticipata risposta alle sollecitazioni tipiche del calcio. Ne sono un esempio gli esercizi di equilibrio su superficie instabile (meduse, trampolini elastici o fitball), volendo accompagnate da gesti tecnici (vedi video di apertura).

Un ultima indicazione. Quanto carico utilizzare? Il peso del proprio corpo, il cosiddetto carico naturale, è assolutamente allenante. In base al vostro grado di preparazione, di conseguenza, aumentate gradualmente in maniera del tutto naturale. Per le più intraprendenti è possibile accompagnare esercizi propriocettivi e funzionali con carichi aggiuntivi come bilanciere, pesi e così via, in base alle proprie capacità e con estrema moderazione (clicca e scopri se sei a rischio leggendo il post precedente).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

ALLENIAMO MEGLIO LE GIOVANI CALCIATRICI
ALLENIAMO MEGLIO LE GIOVANI CALCIATRICI
LE FRATTURE DA STRESS NEL CALCIATORE
LE FRATTURE DA STRESS NEL CALCIATORE
LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI NEL CALCIO
LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI NEL CALCIO
CALCIO: ALLENIAMO IL PALLEGGIO
CALCIO: ALLENIAMO IL PALLEGGIO

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN