Un blog al giorno

CALCIO: ALLENARE NEL SETTORE GIOVANILE

Mario Beretta spiega perché è fondamentale insegnare ai giovani calciatori la costruzione della manovra da dietro. Consigli ed esercitazioni.

Mi ha colpito, qualche tempo fa, lo sfogo di un allenatore di settore giovanile pubblicato sui social media a commento di un articolo di Angelo Pereni, “Costruiamo dal basso con i giovani”, nel quale vengono proposti principi ed esercitazioni in progressione per allenare l’impostazione del gioco partendo da dietro. «Tu insegni a impostare dal basso – si lamentava il tecnico – poi però ti ritrovi squadre avversarie, anche di club professionistici, che calciano lungo sul più forte e ti battono…». La difficoltà dell’amico istruttore è palese ed è quella di tanti: come far capire ai ragazzi (mettiamoci anche società e genitori) che la strada d’insegnamento intrapresa è quella giusta anche di fronte a sconfitte patite da pragmatiche e per nulla lungimiranti “palla lunga e pedalare”?

Clicca sull'immagine per saperne di più

PERCHÉ INSEGNARE A COSTRUIRE DAL BASSO

Mario Beretta, attuale responsabile del settore giovanile del Cagliari, ci viene in aiuto. Tratterà il tema a breve, nello stage di Colorno, con focus sul periodo di preparazione precampionato. «Al di là del risultato sul campo, lavorare con i giovani sull’impostazione da dietro è un’ottima strada per insegnare i principi del calcio – spiega -. Serve affinché riescano a costruirsi la capacità di capire come e quando impostare l’azione. È chiaro che poi altri possono buttare la palla avanti e non giocarla, è un loro diritto. Ma gli istruttori di settore giovanile dovrebbero avere come primo obiettivo la crescita dei giovani, non il risultato».

 

PER ALCUNI CLUB NON SI DEROGA

Nel settore giovanile del Milan (leggi l’intervista a Filippo Galli) è un principio al quale non si deroga, perché ritenuto fondamentale per la crescita del giovane calciatore sotto molti punti di vista. “Giocare” la palla, invece che buttarla avanti, esercita più contatti piede palla, contestualmente allena la tecnica individuale e, soprattutto, fa sì che il giovane calciatore debba affrontare e risolvere le numerose possibili esperienze di gioco in situazione. Faranno parte del suo bagaglio tattico, tecnico e cognitivo quando sarà adulto.

 

DA CHE ETÀ?

«I rudimenti, semplici esercitazioni, si possono proporre – commenta ancora Mario Beretta – sin da quando i giovani cominciano a giocare a undici, tenendo conto che il prerequisito fondamentale è avere buona tecnica di base. Questo è infatti l’aspetto sul quale si deve lavorare maggiormente con i più piccoli.»

Guarda il prossimo appuntamento con Mario Beretta

E SE C’È CARENZA TECNICA?

«Io non sono un integralista, potremmo avere giocatori con limiti oggettivi oppure trovare avversari così bravi che riescono, pressando, a chiuderci le linee di passaggio. Va bene quindi allenare anche qualche altra soluzione sul lungo a trovare un compagno libero. Consiglio però ai colleghi di lavorare comunque sull’impostazione dal basso, per un semplice motivo: si tratta di tecnica eseguita in contesti di gioco reali e si lavora sui fondamentali da utilizzare in situazione, il che per i ragazzi è fortemente accrescitivo.»

 

RIPETERE PER ACQUISIRE EFFICACIA

Nella nostra intervista ad Arrigo Sacchi, l’allenatore del più grande Milan di sempre sottolinea come e quanto tempo dedicasse ai movimenti di tattica collettiva in fase di possesso, per far sì che la squadra acquisisse i tempi giusti soprattutto nei movimenti senza palla, anche nelle uscite difensive. Ripetizioni e ripetizioni fino a farli diventare quasi automatismi. «Ripetere le esercitazioni è fondamentale, l’allenatore in questo modo riesce ad apprezzare, nel tempo, i progressi della squadra – conferma Beretta –. Nel nostro contesto, il settore giovanile, consiglio di farlo. Se parliamo di costruzione della manovra (non dello sviluppo), suggerisco esercitazioni in presenza di avversari in modo che ci sia sempre contrapposizione. Proposte preferibilmente con chi si difende in superiorità numerica (figura 1), almeno all’inizio, perché in questo modo la squadra riesce meglio a percepire e ad assimilare spazi e tempi dei movimenti necessari.»

 

COSTRUZIONE DAL BASSO IN SOVRANNUMERO

(Clicca sull'immagine per aprire la scheda completa dell'esercizio)

Figura 1: clicca sull'immagine per aprire la scheda completa dell'esercizio

Leggi gli altri post a cura di Gianluca Ciofi

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

ABITUIAMO I GIOCATORI A TROVARE LE SOLUZIONI

Venerdì 27 Dicembre 2019

Sport City Galliate - Vicinale G. Leopardi, 14 - 28066 Galliate (NO)
Ore 08:30

STAGE DI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PER CALCIATORI

Venerdì 27 Dicembre 2019

Palauno - Largo Balestra 520146, Milano (MI)
Ore 08:45

CORSO DI ALLENATORE DELLA TECNICA E DELLA TATTICA INDIVIDUALE

Sabato 28 Dicembre 2019

Palauno - Largo Balestra 520146, Milano (MI)
Ore 09:00

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN