Un blog al giorno

ESERCIZI E SFIDE PER I PICCOLI AMICI

Comunichiamo con inventiva e fissiamo obiettivi facili da raggiungere, così i bambini si divertono e imparano più in fretta.

Siamo sul campo ormai da qualche mese (vedi elenco post precedenti), il rapporto fra me e i miei piccoli allievi si consolida. La struttura delle proposte è diventata familiare a tutti e i piccoli sentono “loro” i ritmi di lavoro e le mie indicazioni. Adesso ci capiamo meglio e, per quanto possibile, cerco di utilizzare un linguaggio codificato, uno strumento di lavoro che ritengo molto utile. A quest’età, i bambini tendono a distrarsi, non sono ammesse, da parte nostra, spiegazioni troppo complesse o noiose. L’inventiva invece sì, è gradita. Cerco di utilizzare termini di fantasia, le metafore ad esempio sono un’ottima via per trasmettere un messaggio. Un indicatore significativo che i piccoli stanno prendendo coscienza del lavoro svolto sta nella curiosità che mostrano a inizio allenamento. Sono loro stessi a chiedermi se faremo una specifica esercitazione piuttosto che un’altra: «Mister? Facciamo l’uno contro uno?», oppure… «Quando c’è il gioco dei mostri?».

Figura 1

SFIDA A SQUADRE, CHE STIMOLO!

In questo stadio di apprendimento stiamo ancora lavorando sulla conduzione e il dominio della palla. Presto passeremo alla trasmissione della stessa. Intanto un aggiustamento introdotto di recente al programma di lavoro – grazie anche alle indicazioni dei miei due tutor, Duccio Ferrari Bravo e Alberto Nabiuzzi – sta avendo grande successo: proporre esercitazioni sotto forma di gara o sfida (figura 1 - clicca sull'immagine). I ragazzi si sentono maggiormente coinvolti e stimolati, vedono con occhi diversi la proposta eseguita. I loro volti si illuminano, catturati completamente dalla competizione, si incitano e si sostengono a vicenda. Il livello d’attenzione è molto più alto, chi sta aspettando il suo turno non vede l’ora di mettersi in gioco. 

Figura 2

Stesso ragionamento può essere fatto anche per le esercitazioni motorie e coordinative nelle quali il fattore sfida trasforma di fatto tutta l’esercitazione, rendendola più utile in termini di intensità, funzionalità e coinvolgimento (vedi esercizio in figura 2 – clicca sull’immagine). La voglia di guadagnare i punti necessari per fare vincere la propria squadra porta però gli allievi a eseguire frettolosamente il tratto coordinativo. Vi capiterà di vederli incappare in imprecisioni causate dalla foga. Siate comprensivi, non rimproverateli e piuttosto cercate di trasmettere questo semplice concetto: “Meno errori commetto, più veloce sarò e più punti farà la mia squadra”.

Figura 3

IL DUELLO LI AFFASCINA

Trovo, inoltre, che siano fortemente attratti dall’uno contro uno. Il fascino di affrontare un avversario e realizzare un gol li rapisce totalmente. I bambini lottano su ogni pallone pur di superare chi li affronta e realizzare il punto, ragione per cui preferisco inserire sempre un compito ben preciso anche al difendente che, nel caso recuperi palla, ha la possibilità di diventare a sua volta attaccante e fare gol (figura 3 – clicca sull’immagine). In modo del tutto giocoso, in fondo, li stiamo già preparando a quello che li aspetterà quando saranno diventati calciatori.

Figura 4

La gara di passaggi e il gioco del rugby, due nuovi elementi inseriti nella fase di attivazione (vedi video in apertura) hanno creato qualche difficoltà al gruppo. Le problematiche sono legate principalmente alla capacità, dei piccoli, di gestire al meglio il proprio movimento negli spazi in rapporto ai compagni. I bambini sono portati ad andare tutti alla caccia del pallone, questo spesso esclude dal gioco i più esili o i meno dotati fisicamente. Lanciare e afferrare la palla, inoltre, è qualche volta complesso; i due aspetti motori coinvolti non sono ancora del tutto sviluppati in questa fascia d’età, non scoraggiatevi e, come sottolineato in altre occasioni, non siate troppo severi, anche l’errore è necessario per la loro crescita (figura 4 – clicca sull’immagine).

 

UN ESEMPIO DI SEDUTA TIPO

Ecco una proposta di seduta tipo, la potete strutturare utilizzando le esercitazioni che trovate in questo post con le loro eventuali varianti. Si compone di cinque parti.

  1. Attivazione: gioco del semaforo, gara di passaggi con le mani e gioco a tema tipo “rugby”.
  2. Esercitazione tecnica gara a squadre con bowling finale.
  3. Competizione a squadre incentrata su principali schemi motori di base e cioè correre, camminare, saltare, strisciare e rotolare. Questi vengono combinati con le capacità coordinative speciali: l’equilibrio dinamico, la ritmizzazione, l’accoppiamento e la combinazione dei movimenti.
  4. Conduzione palla inserita in due contesti. Finalizzata al tiro in porta e, successivamente, alla situazione di uno contro uno laterale.
  5. Partita finale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
CALCIO: VALUTIAMO LE CAPACITÀ COGNITIVE
CALCIO: VALUTIAMO LE CAPACITÀ COGNITIVE
CALCIO: LA FLESSIBILITÀ DELLA CATENA POSTERIORE
CALCIO: LA FLESSIBILITÀ DELLA CATENA POSTERIORE
CALCIO: SOLUZIONI PER FARE GOL
CALCIO: SOLUZIONI PER FARE GOL

IMPARA LA TECNICA DAI PROFESSIONISTI

Lunedì 10 Giugno 2019

Viale dello Sport, 00037 Segni (Roma)
Ore 09:00

IMPARIAMO A DOMINARE IL PALLONE

Lunedì 10 Giugno 2019

Campo Comunale di Casamarciano - Viale Giuseppe Verdi (Rione Gescal) - Nola
Ore 08:45

LA STRADA SCENDE IN CAMPO

Lunedì 17 Giugno 2019

STADIO OLMO FERRO - LOCALITÀ NATTA - CELLE LIGURE
Ore 08:30

IMPARIAMO UNA TECNICA FUNZIONALE

Lunedì 24 Giugno 2019

Via Tommaso Traetta 70 (Infernetto) 00124 Roma
Ore 08:30

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

TECNICA, TEMPO E SPAZIO

Lunedì 8 Luglio 2019

Viale Stadio 23100 Sondrio (Campo Coni)
Ore 08:30

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN