Un blog al giorno

CALCIO: I CARICHI DI LAVORO DEGLI SMALL SIDED GAMES

Con pochi allenamenti a disposizione gli Ssg sono un versatile strumento per esercitare tecnica, tattica e restare in forma. Mettiamoli in relazione ai carichi esterni.

Gli Small Sided Games sono uno strumento di lavoro che sta sempre più prendendo piede fra gli allenatori. Questi giochi hanno il grande vantaggio di concentrare obiettivi di natura tecnica tattica e anche fisica all’interno di una singola esercitazione. Sono partite a ranghi ridotti, che possono variare dall’uno contro uno fino ad arrivare al cinque contro cinque. Personalmente li utilizzo molto e se da una parte riesco (per quanto riguarda gli aspetti tecnici e tattici) a strutturarli abbastanza comodamente, ho un po’ più difficoltà a valutare i carichi esterni, quindi il loro peso da un punto di vista condizionale. Ho chiesto perciò consiglio al nostro compagno di viaggio e tutor Stefano Fiorini, presidente dell’Aipac, per fare chiarezza sui miei dubbi al riguardo. La prima questione che gli ho posto è quanto e come cambia l’obiettivo fisico dell’esercitazione al variare di tempi, spazi e ripetizioni e di conseguenza gli ho chiesto qualche consiglio per essere sicuro di lavorare in maniera corretta.

 

SPAZIO PARAMETRO FONDAMENTALE

«Lo spazio da utilizzare – mi ha chiarito – è un parametro fondamentale e va cambiato in base all’obiettivo fisico che vi ponete. Più si riduce lo spazio a disposizione per ogni singolo giocatore più aumentano il numero di accelerazioni, frenate e cambi di direzione con conseguente incidenza sulla parte di allenamento muscolare. Un altro aspetto da tenere in considerazione è la capacità tecnica dei giocatori. Il rischio di giocare in uno spazio troppo piccolo con capacità tecniche non eccelse è di avere la palla spesso fuori dal gioco, il che fa calare di intensità il lavoro.» Per avere dei punti di riferimento chiari mi ha fornito questi parametri: ogni giocatore deve avere una superficie di area di lavoro media inferiore a 70 metri quadrati e non superiore a 100 - 105 metri quadrati. Quindi dividete l’area di lavoro totale per il numero di giocatori coinvolti, il risultato deve rimanere all’interno dei parametri precedenti.

 

TEMPI DI LAVORO E DI RECUPERO

Altro aspetto importante è ovviamente il tempo di esecuzione e quello di recupero, e anche questo varia in base al tipo di esercitazione. Si va dai trenta secondi di lavoro dell’uno contro uno ai quattro minuti per il cinque contro cinque. Per il recupero i rapporti consigliati sono, nell’uno contro uno, dall’1 a massimo il doppio del tempo di lavoro, e nel cinque contro cinque, dall’1 all’1 a tre quarti del tempo di lavoro. Per essere più chiari, in un uno contro uno lavoro trenta secondi e riposo massimo un minuto (un esempio in figura 1, clicca sull’immagine per aprire la scheda completa dell’esercizio).

Figura 1: clicca sull'immagine per aprire la scheda completa dell'esercizio

In un cinque contro cinque lavoro quattro minuti e ne riposo tre. Il recupero lo possiamo impostare in forma sia attiva sia passiva in base anche alle condizioni climatiche. Io, nelle giornate molto fredde, utilizzo il recupero attivo mandando i ragazzi in corsa lenta a recuperare i palloni sparsi per il campo. Il numero di ripetizioni consigliato è dalle sei volte dell’uno contro uno alle tre, massimo quattro, del cinque contro cinque. Per mantenere alta l’intensità è opportuno tenere sempre una buona quantità di palloni a disposizione da rimettere in gioco in tempi stretti (lo possono fare i portieri o noi mister). Dal mio punto di vista, se serve lavorare con intensità, è meglio dare le correzioni tecnico tattiche durante il recupero fra una serie e l’altra per non interrompere l’esercitazione e farle perdere di efficacia sotto l’aspetto fisico (un ulteriore esempio in figura 2, clicca sull’immagine per aprire la scheda completa dell’esercizio).

Figura 2: clicca sull'immagine per aprire la scheda completa dell'esercizio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
UNA GUIDA PER CHI ALLENA SUI CAMPI ARTIFICIALI
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
LA MOBILITÀ GENERALE NEL CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
I GIOCHI MOTORI PER LA SCUOLA CALCIO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO
CALCIO, GIOCHI DI POSIZIONE E ALLENAMENTO

IMPARA LA TECNICA DAI PROFESSIONISTI

Lunedì 10 Giugno 2019

Viale dello Sport, 00037 Segni (Roma)
Ore 09:00

IMPARIAMO A DOMINARE IL PALLONE

Lunedì 10 Giugno 2019

Campo Comunale di Casamarciano - Viale Giuseppe Verdi (Rione Gescal) - Nola
Ore 08:45

LA STRADA SCENDE IN CAMPO

Lunedì 17 Giugno 2019

STADIO OLMO FERRO - LOCALITÀ NATTA - CELLE LIGURE
Ore 08:30

IMPARIAMO UNA TECNICA FUNZIONALE

Lunedì 24 Giugno 2019

Via Tommaso Traetta 70 (Infernetto) 00124 Roma
Ore 08:30

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

TECNICA, TEMPO E SPAZIO

Lunedì 8 Luglio 2019

Viale Stadio 23100 Sondrio (Campo Coni)
Ore 08:30

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN