Un blog al giorno

DOMS: I SEGNI DELLA FATICA

L’esercizio muscolare intenso ha effetti meccanici e metabolici sul nostro fisico, una serie di articoli per conoscerli, affrontarli e gestirli.

Come emerge dal contributo di maggio del dottor Respizzi circa la tipologia di infortuni muscolari ai quali è soggetto il calciatore, fra i citati il meno conosciuto ai più è il “Doms” (Delayed Onset Muscle Soreness). Approfondiamone assieme la conoscenza, e impariamo ad affrontarlo e gestirlo. Nell’uomo gli effetti metabolici e meccanici di un esercizio muscolare intenso si osservano molto precocemente, sin dalle prime ore (in genere dalle 8 alle 24) successive all’esecuzione dell’esercizio che ne è stato la causa (1). I sintomi, che s’identificano in indolenzimento muscolare, gonfiore e impotenza funzionale sono in grado di perdurare per periodi piuttosto lunghi, sino a due o tre settimane (2). L’origine di questa sintomatologia algica muscolare è essenzialmente di natura microtraumatica ed è da imputarsi al verificarsi di microlesioni a livello della miofibrilla indotte essenzialmente dalla contrazione eccentrica che, in ultima analisi, testimoniano uno stato di sovraccarico meccanico del muscolo a seguito di un esercizio particolarmente intenso (3).

 

LE ALTERAZIONI ULTRASTRUTTURALI
I primi lavori incentrati sulle lesioni muscolari indotte dall’esercizio eccentrico intenso sull’uomo risalgono al 1981 (4). In questo primo lavoro, Fridén e collaboratori evidenziarono, tramite biopsia muscolare, come un esercizio eccentrico intenso – una discesa effettuata di corsa da una rampa di scale – causasse importanti modificazioni nella struttura miofibrillare del muscolo soleare. L’osservazione al microscopio elettronico del campione bioptico rivelò, in particolare, una rottura della banda Z, contestuale a un allargamento delle fibre stesse. Queste modificazioni dell’ultrastruttura delle miofibrille si mantennero evidenti per circa sette giorni. A fronte di queste osservazioni, gli autori avanzarono l’ipotesi che tali microlesioni avessero causato la liberazione di enzimi lisosomiali che, a loro volta, avessero provocato un processo infiammatorio. In seguito, ulteriori ricerche, sempre condotte dallo stesso autore nel 1983, confermarono tali ipotesi. Seguirono ulteriori ricerche, condotte soprattutto nell’ambito della corsa su lunghe distanze (5) che, oltre ad avallare i precedenti risultati, evidenziarono come le lesioni muscolari dovute all’esercizio intenso fossero molto simili a un processo di rabdomiolisi. Inoltre, queste ultime fecero notare come nelle tre ore successive all’esercizio intenso, in questo caso la corsa, oltre alla rottura miofibrillare, si verificasse anche un’importante deplezione di glicogeno muscolare. Oggi sappiamo che la rottura della banda Z, che appare come disorganizzata, allargata e irregolare, si può estendere sino alla banda e interessare anche le fibre del citoscheletro formate da desmina e fibronectina (6). Oltre a questo, è frequente osservare, dopo un esercizio eccentrico condotto ad alta intensità, la rottura di un certo numero di mitocondri e di parte del reticolo sarcoplasmatico (7). Queste rotture si possono osservare, oltre che sul ventre muscolare stesso, anche a livello della giunzione muscolo-tendinea (8). Nel corso di alcune ore i macrofagi, i monociti e i neutrofili si infiltrano nel sito lesionale, dando così inizio al processo infiammatorio (9).

L’INSORGENZA DEL DOMS

L’avvio del processo infiammatorio comporta la conseguente insorgenza della sintomatologia algica, ossia il cosiddetto Doms (Delayed Onset Muscle Soreness), caratterizzata da dolore, gonfiore e rigidità muscolare che si manifestano a una distanza di 24-48 ore dalla fine dell’esercizio. Mentre il Doms si auto-risolve nel giro di alcuni giorni, la risposta infiammatoria può perdurare per un periodo compreso tra le due e le tre settimane (10). A un esame clinico, i muscoli affetti da DOMS possono talvolta presentare un certo grado di gonfiore (11), in genere imputabile all’edema da sforzo che in alcuni casi può, nelle 24-48 ore successive all’esercizio, causare un aumento del peso del ventre muscolare interessato dal fenomeno, di una percentuale compresa tra l’11 e il 17% (12). Questo edema da sforzo sarebbe tipico degli esercizi eccentrici e, invece, poco frequente, se non del tutto assente, durante gli esercizi concentrici (13).

Clicca e leggi la prossima puntata.

 

Elenco autori citati

(1) Tiidus & Ianuzzo, 1983; (2) Evans & Cannon, 1991; Sjöström & Fridén, 1984; (3) Bigard, 2001; Proske & Morgan, 2001; (4) Fridén e coll., 1981; (5) Hagerman e coll., 1984; Sjöström & Fridén, 1984; Warhol e coll., 1985; (6) Lieber e coll., 1996; (7) Warhol e coll., 1985; (8) Stauber e coll., 1990; (9) Fridén & Lieber, 1998; Child e coll., 1999; (10) Child e coll., 1999; (11) Komi & Rusko, 1974; (12) Brendstrup, 1962; (13) Fridén e coll., 1988.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

COME RISOLVERE L’INDOLENZIMENTO MUSCOLARE
COME RISOLVERE L’INDOLENZIMENTO MUSCOLARE
DOLORI MUSCOLARI: MI ALLENO O NO?
DOLORI MUSCOLARI: MI ALLENO O NO?
CALCIO: GLI ESERCIZI A RESISTENZA ELASTICA
CALCIO: GLI ESERCIZI A RESISTENZA ELASTICA
CALCIO: I MUSCOLI, LA FORZA
CALCIO: I MUSCOLI, LA FORZA

IMPARA LA TECNICA DAI PROFESSIONISTI

Lunedì 10 Giugno 2019

Viale dello Sport, 00037 Segni (Roma)
Ore 09:00

IMPARIAMO A DOMINARE IL PALLONE

Lunedì 10 Giugno 2019

Campo Comunale di Casamarciano - Viale Giuseppe Verdi (Rione Gescal) - Nola
Ore 08:45

LA STRADA SCENDE IN CAMPO

Lunedì 17 Giugno 2019

STADIO OLMO FERRO - LOCALITÀ NATTA - CELLE LIGURE
Ore 08:30

IMPARIAMO UNA TECNICA FUNZIONALE

Lunedì 24 Giugno 2019

Via Tommaso Traetta 70 (Infernetto) 00124 Roma
Ore 08:30

IMPARA A VALORIZZARE LE TUE DOTI DI CALCIATORE

Domenica 30 Giugno 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 15:00

CALCIO: ALLENIAMO I GIOCATORI A TROVARE SOLUZIONI

Sabato 6 Luglio 2019

Via Campo Sportivo 9 - 28047 Oleggio (Novara)
Ore 09:00

TECNICA, TEMPO E SPAZIO

Lunedì 8 Luglio 2019

Viale Stadio 23100 Sondrio (Campo Coni)
Ore 08:30

AGGIUNGICI SU FACEBOOK

DIGITAL MAGAZINE

ALLENARE IL GIOVANE PORTIERE

Un programma per ottimizzare i tempi di lavoro e il numero di contatti con la palla quando lavoriamo con più portieri. Una semplice proposta per chi allena nei settori giovanili.

SFOGLIA

Iscriviti su ALLFOOTBALL oppure esegui il LOGIN